Cabtutela.it
acipocket.it
aqp.it

Prosegue l’emergenza delle strutture scolastiche baresi: tra edifici vecchi, aule con infiltrazioni e attrezzature scadenti, ad andarci di mezzo sono gli studenti. Una situazione insostenibile, che ha costretto anche il prefetto di Bari, Carmela Pagano, a convocare con urgenza un tavolo tecnico sulla questione. A chiedere l’interessamento del prefetto è stato il sindaco di Casamassima, Vito Cessa, uno dei tanti Comuni -ma non l’unico – costretto ad affrontare l’emergenza.\r\n\r\nIl tavolo tecnico\r\n\r\nSarà un luogo d’incontro, a cui parteciperà anche il consigliere della Città metropolitana delegato all’Edilizia scolastica Vito Lacoppola, in cui trovare soluzioni ai tanti problemi delle strutture baresi, la cui manutenzione deve essere completata con un budget esiguo (1 milione e 800mila euro. Nella sola Bari settimana scorsa alcuni istituti – tra cui De Lilla, Giulio Cesare e Pitagora – avevano visto gli studenti insorgere per denunciare la situazione, proclamando alcuni giorni di autogestione e occupazione. Il tutto culminato in un’assemblea generale venerdì 16 dicembre sotto la sede del Consiglio regionale della Puglia.\r\n\r\nI problemi per gli istituti nella provincia barese\r\n\r\nNon va meglio per la provincia barese. A Casamassima ad esempio, la situazione nella scuola elementare Rodari ha creato parecchi grattacapi al sindaco Vito Cessa, dopo che un’ispezione aveva portato alla luce alcune crepe sul soffitto delle aule. L’istituto è stato così costretto a chiudere per il completamento dei lavori – che termineranno verosimilmente a gennaio – e gli alunni sono stati temporaneamente trasferiti in un’altra sede.\r\n\r\nA Ruvo, invece, gli studenti del Tannoia avevano organizzato un sit-in lo scorso 9 dicembre, dopo che la Città metropolitana aveva chiuso l’istituto. Le indagini effettuate dai tecnici avevano portato alla luce una situazione di pericolo per alunni e personale docente, vista la presenza di problematiche strutturali dell’edificio.\r\n\r\n 


© RIPRODUZIONE ANCHE PARZIALE RISERVATA - Borderline24 Il giornale - Ti invitiamo a usare i bottoni di condivisione e a non copiare l'articolo.

ConfagricolturaBari
CattolicaBari

LASCIA UN COMMENTO:

Scrivi il tuo commento
Il tuo nome qui