Cabtutela.it
acipocket.it
aqp.it

Si terrà a Bari, dal 21 al 23 settembre, il primo Festival nazionale delle Buone pratiche urbane, promosso dall’Anci in collaborazione con il Segretariato europeo del Programma URBACT ed Europe Direct Puglia.

Lo scambio di esperienze tra città rappresenta un elemento fondamentale per migliorare le politiche e individuare soluzioni condivise per affrontare i grandi temi dell’agenda urbana: il cambiamento climatico, le trasformazioni demografiche, i mutamenti economici e sociali, i nuovi assetti urbanistici, costringono gli amministratori e gli attori territoriali a interrogarsi su nuove forme di approccio al governo delle città, definendo strategie di medio e lungo periodo che sappiano fornire risposte efficaci.

Il Programma della Commissione Europea URBACT, fin dalla sua fondazione nel 2003, promuove a scala europea questo tipo di confronto, attribuendo un forte protagonismo alle città, intese come luoghi di innovazione e di sperimentazione di pratiche di cambiamento collettivo che spesso anticipano le grandi programmazioni.

In questo scenario di vivacità, partecipazione e creatività urbana, il Programma URBACT ha recentemente selezionato le migliori 97 buone pratiche realizzate da città di tutta Europa, rese disponibili in un database pubblico (http://urbact.eu/good-practices/home) e tra cui figura la città di Bari.

Spazio Murat, Palazzo delle Poste, i Caffè di Barivecchia e ancora Spazio13, Torre Quetta, la Città Metropolitana di Bari e il quartiere Libertà sono alcuni dei luoghi che ospiteranno talk, relazioni, dibattiti, momenti di approfondimento e study visit in programma nel corso del Festival, cui parteciperanno, tra gli altri, i sindaci di Napoli, Milano, Genova e Reggio Calabria nonché i primi cittadini di Tirana, Murcia e rappresentati delle amministrazioni di Amburgo, Barcellona e Riga.

“Il festival rappresenta una straordinaria occasione di confronto sulle migliori pratiche urbane per i sindaci – spiega il sindaco e presidente ANCI, Antonio Decaro – troppo spesso impegnati a fronteggiare le emergenze delle proprie città e che, invece, dovrebbero abituarsi a una maggiore collaborazione e scambio di idee. Ma anche una bellissima opportunità offerta a cittadini, associazioni e operatori per conoscere cosa succede in altri contesti urbani e trarne ispirazione. Le città, da sole, non riusciranno mai ad affrontare i grandi temi del futuro come le migrazioni, le povertà, le riconversioni industriali senza tessere alleanze orizzontali e praticare un confronto costante sulle soluzioni. Oggi gli amministratori sono chiamati ad esercitare una maggiore creatività nel proprio impegno, puntando sul protagonismo civile e sull’innovazione sociale”.

Il festival avrà inizio il 21 settembre con una sessione inaugurale presso lo Spazio Murat, uno dei simboli dell’azione di rigenerazione creativa del centro storico di Bari, cui seguirà una serie di presentazioni di buone pratiche urbane italiane ed europee che avranno luogo in parallelo nei caffè storici di Bari Vecchia. L’esperienza di Spazio 13, selezionata dal programma Urbact tra le 97 buone pratiche europee, sarà invece al centro dell’evento serale che vedrà alternarsi performance musicali e teatrali nel cortile dell’ex scuola Melo trasformata in hub di innovazione e sviluppo partecipato nel cuore del quartiere di Libertà.

La mattinata del 22 settembre sarà invece completamente dedicata all’Infoday sul nuovo bando Urbact di prossima uscita, finalizzato alla creazione di reti per il trasferimento di buone pratiche italiane ed europee tra città di ogni dimensione: un’occasione di networking a cui prenderà parte anche il Segretariato europeo URBACT. Nel corso del pomeriggio proseguiranno nei caffè le presentazioni delle buone pratiche mentre il confronto tra sindaci delle città italiane ed europee si sposterà nel colonnato del palazzo della Città Metropolitana con il Mayors talk: un dialogo fra sindaci e amministratori protagonisti delle principali esperienze di innovazione in Italia e in Europa. Aperto alla cittadinanza anche l’evento che seguirà il Talk, un aperitivo urbano sulla spiaggia di Torre Quetta, spazio pubblico restituito di recente ai baresi e simbolo dell’azione di rilancio di un intero pezzo di città.

La mattinata di sabato 23 settembre sarà infine dedicata alla visita studio presso l’ex Manifattura Tabacchi, il complesso di archeologia industriale in via di riqualificazione nel quartiere Libertà, con la partecipazione di assessori e tecnici coinvolti nell’azione di recupero. La visita sarà preceduta da una breve sessione di speed networking tra i rappresentanti delle città italiane ed europee, che coinvolgerà esperti, stakeholder e rappresentanti di reti nazionali attive sui temi dell’innovazione urbana.


© RIPRODUZIONE ANCHE PARZIALE RISERVATA - Borderline24 Il giornale - Ti invitiamo a usare i bottoni di condivisione e a non copiare l'articolo.

ConfagricolturaBari
CattolicaBari

LASCIA UN COMMENTO:

Scrivi il tuo commento
Il tuo nome qui