“Quotidiani incidenti e aggressioni ai danni del personale sugli autobus ed  il Comune di Bari, audito oggi in Commissione Trasporti, non ha illustrato alcuna iniziativa per contrastare un fenomeno che ci indigna e si ripercuote anche sul servizio erogato ai cittadini”. Così Domenico Damascelli, consigliere regionale di Forza Italia, nel corso delle audizioni da lui richieste dei rappresentanti di Comune, Amtab e organizzazioni dei lavoratori. “Ogni anno – aggiunge – la Regione trasferisce all’Amtab ben 27 milioni e 412mila euro. Come vengono impegnate queste risorse? Il parco mezzi ha mediamente 22 anni e versa in condizioni poco decorose per una città che vuol dirsi moderna come Bari. Autisti e controllori sono giornalmente vessati e aggrediti, senza che ci sia alcuna strategia di contrasto e azioni concrete per garantire la sicurezza loro e dei passeggeri. Ci sono realtà, come quella di Taranto, dove la vigilanza sugli autobus viene finanziata con i proventi delle multe per mancato acquisto del biglietto. Sarebbe un’alternativa valida e ci risulta che sia stata anche avviata, sebbene solo su carta, durante la scorsa amministrazione della società municipalizzata. Peccato, però, che sia rimasto tutto nella fase delle ‘buone intenzioni’. E allora, poiché è intollerabile un’inerzia del genere su un tema fondamentale come la sicurezza, mi auguro che l’audizione odierna sia servita per scuotere qualcuno negli uffici del Comune”.

L\'articolo continua sotto alla pubblicità

“La sicurezza è un diritto – conclude Damascelli – ancor più quando si tratta di ristabilirla sul luogo di lavoro”.

© RIPRODUZIONE ANCHE PARZIALE RISERVATA - Borderline24 Il giornale - Ti invitiamo a usare i bottoni di condivisione e a non copiare l'articolo.

SEI UN UTENTE PROFESSIONAL?
SCOPRI LE OFFERTE VODAFONE SU MISURA PER TE
La compilazione del form autorizza il trattamento dei dati inseriti per finalità di contatto commerciale (Regolamento (UE) 2016/679)
TEL. P.I.


caricamento...

LASCIA UN COMMENTO:

Please enter your comment!
Please enter your name here