Cabtutela.it

E’ stato dimesso questa mattina dal policlinico di Bari dove era stato ricoverato Giuseppe Casadibari il ventenne, con precedenti di polizia, ferito con colpi di arma da fuoco nell’agguato compiuto da persone non ancora identificate il 30 dicembre scorso, vicino a porta Robustina, a Bitonto, in cui morì Anna Rosa Tarantino, la donna di 84 anni che si trovò a passare in quel momento e che venne raggiunta da alcuni dei numerosi colpi sparati all’indirizzo del giovane.

Ascoltato dalla polizia subito dopo l’agguato, Casadibari riferì agli investigatori di non essersi accorto di nulla quella mattina in quanto impegnato in una conversazione telefonica e che, dal rumore, essendo di spalle, sembrava stessero esplodendo petardi per strada. Invece erano colpi di arma da fuoco che lo raggiunsero al torace, ferendolo in maniera lieve tanto che da solo il 20enne raggiunse a piedi il punto di primo intervento di Bitonto per essere medicato.

Al momento, a quanto si è appreso, nei confronti di Casadibari non è stato emesso alcun provvedimento. Sarà l’esito dell’autopsia fatta sul corpo della 84enne a confermare o smentire la notizia circolata subito dopo l’agguato e non confermata dagli investigatori secondo cui il giovane si sarebbe fatto scudo dell’anziana per evitare i colpi di pistola.


© RIPRODUZIONE ANCHE PARZIALE RISERVATA - Borderline24 Il giornale - Ti invitiamo a usare i bottoni di condivisione e a non copiare l'articolo.

ConfagricolturaBari
CattolicaBari

LASCIA UN COMMENTO:

Scrivi il tuo commento
Il tuo nome qui