Cabtutela.it
acipocket.it
ferrovieappulolucane.it

Fare impresa, oggi più che ieri, significa mantenersi aggiornati su tutte le news relative ai propri settori e naturalmente alle tecnologie, al digitale e ai possibili finanziamenti. Lo scopo di un’attività imprenditoriale, infatti, dovrebbe essere sempre quello di crescere: ciò risulta possibile solo aggiornandosi sulle novità del 2018.

Smart&Start: le nuove agevolazioni per start up

Da febbraio 2018, il Ministero dello Sviluppo Economico è intervenuto per aggiornare le misure del progetto Smart&Start: ovvero un pacchetto di agevolazioni accessibile dalle start up innovative. Nel dettaglio, le nuove misure hanno riguardato l’inclusione di attività finanziabili quali il marketing online, il branding sul web e una modifica di alcune norme procedurali: da adesso, potranno infatti richiedere le agevolazioni anche le start up con cinque anni di vita (+1 anno rispetto alla precedente regolamentazione). Fra le altre novità portate dal MiSE al piano Smart&Start, troviamo anche l’opportunità di soddisfare i requisiti di “start up innovativa” non necessariamente al momento della richiesta, ma anche prima della ricezione della prima tranche di finanziamenti.

I voucher per la digitalizzazione

Le imprese che hanno partecipato al bando del MiSE per l’internazionalizzazione, adesso possono verificare la loro presenza o meno in graduatoria: il Ministero dello Sviluppo Economico ha infatti reso pubblico l’elenco delle società vincitrici dei voucher per la digitalizzazione. Si parla di circa 2.000 attività imprenditoriali, che da oggi potranno contare sui finanziamenti a fondo perduto erogati dal TEM. Per chi ancora non lo sapesse, i suddetti voucher sono di due tipologie: il primo prevede un finanziamento di 10.000 euro, mentre il secondo un contributo dai 15.000 euro ai 30.000 euro.

L’iniziativa Google Digital Training

Oggi non basta essere dotati di una connessione Internet aziendale per essere competitivi, bisogna infatti saper sfruttare al meglio le opportunità che la rete offre. Ecco il perché dell’importanza del Google Digital Training: un’iniziativa nata con la collaborazione di Unioncamere, che ha l’obiettivo di formare gli imprenditori sul know how necessario per avere successo sul web. Dalla creazione di un sito aziendale al posizionamento SEO o geo-localizzato, sono diverse le competenze erogate da questa iniziativa, utili per sostenere la digitalizzazione online delle imprese. In seguito a giornate di formazione di questo tipo i giovani imprenditori avranno ancora più chiaro un concetto: internet è oramai uno strumento fondamentale per chiunque voglia rimanere competitivo sul mercato. Largo quindi al web in azienda e a tal proposito, dopo aver scelto uno dei piani internet  dedicati a chi possiede la partita iva, in questo senso il mercato della telefonia offre più di una soluzione, sarà poi fondamentale capire come creare o migliorare il sito web aziendale, come posizionarsi bene online, come lanciare un eventuale e-commerce di successo e come massimizzare la promozione digitale.

Nuovo regolamento europeo per la privacy: cosa cambia?

L’ultima novità importante con cui le aziende dovranno fare i conti quest’anno è il cambiamento delle norme in tema di privacy. Dal 25 maggio 2018 infatti entrerà ufficialmente in vigore il nuovo regolamento europeo per la privacy e per il trattamento dei dati personali da parte delle aziende. Cosa cambia? Da maggio, i consumatori avranno il diritto di richiedere alle imprese la lista dei dati personali in loro possesso, e di decidere se revocarli o meno. Inoltre, il nuovo regolamento prevede anche nuove misure e controlli di sicurezza, da adottare da parte delle aziende tramite un’implementazione delle proprie tecnologie. Anche il trattamento dei dati personali degli utenti andrà incontro a nuove limitazioni, così da garantire loro la privacy e da impedire un uso automatizzato a rischio violazione.

 


© RIPRODUZIONE ANCHE PARZIALE RISERVATA - Borderline24 Il giornale - Ti invitiamo a usare i bottoni di condivisione e a non copiare l'articolo.

ConfagricolturaBari
CattolicaBari

LASCIA UN COMMENTO:

Scrivi il tuo commento
Il tuo nome qui