Il prossimo 8 novembre alle 20 nell’Auditorium ‘Nino Rota’ del conservatorio ‘Niccolò Piccinni’ di Bari è in programma la terza edizione di ‘Vari(e)-abilità musicali in concerto’ ideato e organizzato dalla docente Adriana De Serio, nonché direttrice artistica.
L’evento si inserisce in un più ampio programma internazionale che celebra la quinta Giornata Europea della Musicoterapia 2018 e quest’anno è organizzato in collaborazione con l’Associazione Crocerossine d’Italia onlus. Sezione di Bari.
Il progetto (inserito nel Dipartimento di Fiati coordinato dal docente Michele Di Lallo) ha finalità sociali, di produzione e ricerca artistica, in quanto prevede la formazione di gruppi musicali costituiti da allievi delle classi di strumenti a fiato del conservatorio integrati con diversabili, quali musicisti di strumenti a percussione.
Tale ensemble, espressione innovativa di inclusione socio-didattico-educativa, è protagonista – nell’ultimo semestre 2018 – di pubblici concerti (dopo un regolare percorso di studio), programmati (in varie sedi e città) che propone un ricco programma, il quale comprende vari generi musicali riferentisi a tutto l’arco della letteratura ‘colta’ e ‘leggera’.
Il progetto coinvolge numerosi docenti del Dipartimento di strumenti a fiato del conservatorio di Bari, insieme ai propri allievi. Oltre ad Adriana De Serio, pianista e coordinatrice, ci sono: Domenico Sarcina (oboe), Pasquale Di Pinto (corno), Michele Dilallo (fagotto), Antonio Demarco (trombone), Antonia Giove (canto).
I diversabili – co-protagonisti del progetto – costituiscono la ‘Nuova Armonia Band’ (fondata e diretta da Adriana De Serio per l’attività di musicoterapia clinica) che si colloca, in ambito internazionale, tra i rarissimi ensemble musicali costituiti interamente da diversabili percussionisti.
‘Abbiamo condiviso e sostenuto questo evento – spiega Grazia Andidero, responsabile della sezione di Bari dell’Associazione Crocerossine d’Italia onlus – perché è aderente alle finalità proprie dell’Associazione ed in particolare al ruolo educativo delle arti musicali nei confronti delle giovani generazioni e della società in generale’.
‘La musica ha un ruolo fondamentale nei confronti del linguaggio verbale poiché trasforma i singoli idiomi in un linguaggio universale : in tal senso è funzionale alla diffusione della cultura della pace e dell’integrazione di popoli e civiltà“ aggiunge Santa Fizzarotti Selvaggi, vice presidente nazionale dell’Associazione Crocerossine d’Italia onlus.
© RIPRODUZIONE ANCHE PARZIALE RISERVATA - Borderline24 Il giornale - Ti invitiamo a usare i bottoni di condivisione e a non copiare l'articolo.
SEI UN UTENTE PROFESSIONAL?
SCOPRI LE OFFERTE VODAFONE SU MISURA PER TE
La compilazione del form autorizza il trattamento dei dati inseriti per finalità di contatto commerciale (Regolamento (UE) 2016/679)
TEL. P.I.

caricamento...

LASCIA UN COMMENTO:

Please enter your comment!
Please enter your name here