Cabtutela.it
acipocket.it
ferrovieappulolucane.it

Ancora fermi i lavori del ponte di via Daconto a Giovinazzo. Il finanziamento per gli interventi è arrivato lo scorso 28 novembre: 800mila euro, stanziati in seguito all’assestamento di bilancio della Regione Puglia, saranno infatti destinati alle opere di manutenzione della struttura che – già dal 2017 sotto osservazione – era stata interdetta ai mezzi pesanti.  E’ nel 2017 infatti che il problema era stato segnalato.

Dopo una perizia dell’Ufficio Tecnico comunale era emerso che l’opera, nonostante fosse stabile, necessitasse di importanti interventi di manutenzione. Sarebbero stati il continuo traffico veicolare, l’aggressione di nebbia salina e le continue oscillazioni dovute al frequente passaggio dei treni a deteriorare, con il tempo, il cavalcaferrovia, il quale, oltre all’ossidazione delle barre di cemento armato, aveva perso diverso calcestruzzo. Nel 2019, addirittura, erano caduti calcinacci senza però alcuna conseguenza grave.

Nel 2018, dopo ulteriori verifiche, la struttura era stata inserita dal Comune all’interno della mappatura di viadotti, ponti e cavalcavia richiesta dal MIT in seguito alla tragedia  del ponte Morandi. Anche il ponte di Giovinazzo – strategico per la viabilità cittadina e costruito circa mezzo secolo fa per rimuovere un passaggio a livello – risultò tra le infrastrutture che necessitavano di urgenti opere di messa in sicurezza per la salvaguardia dell’incolumità dei cittadini e della sicurezza della circolazione ferroviaria stessa. Ma ad oggi, nonostante l’urgenza della questione e una blanda messa in sicurezza dettata da una rete da cantiere posta per evitare di sottostare nelle zone pericolanti, il ponte, utilizzato ogni giorno da mezzi e da pedoni che lo attraversano nelle zone sottostanti, sembra riversare nelle stesse condizioni.


© RIPRODUZIONE ANCHE PARZIALE RISERVATA - Borderline24 Il giornale - Ti invitiamo a usare i bottoni di condivisione e a non copiare l'articolo.

ConfagricolturaBari
CattolicaBari

LASCIA UN COMMENTO:

Scrivi il tuo commento
Il tuo nome qui