Cabtutela.it
acipocket.it
amgasbari

Oltre 50 chilogrammi di cocaina e 47 di marijuana abilmente occultati all’interno del doppiofondo di un camion frigo proveniente dalla Calabria e diretto ad Andria. A fare la scoperta i militari del Nucleo di Polizia economico-finanziaria della Guardia di Finanza di Bari, nell’ambito di un controllo sul territorio finalizzato al monitoraggio delle principali rotte terrestri del narcotraffico pugliese.


I finanzieri hanno intercettato l’autocarro, con targa tedesca, sul tratto Nord della Salerno-Reggio Calabria e, insospettiti dall’atteggiamento alla guida dell’autista del mezzo, lo hanno seguito fino ad un’area di servizio. Qui, le Fiamme Gialle hanno sottoposto a controllo il conducente, un cittadino italiano di origini andriesi, residente in Germania e incensurato, che, interrogato, ha dichiarato di essersi recato in Calabria per acquistare un carico di salumi e formaggi per un valore totale di circa 200 euro.


Insospettiti dall’esiguo carico e dopo aver notato che il vano frigo del mezzo era costituito di pannelli in vetro-resina e guarnizioni di recente sostituzione, la pattuglia ha invitato il conducente a seguirla in un’area sicura all’interno del porto di Bari, dove il mezzo è stato sottoposto ad una accurata perquisizione con l’ausilio delle unità cinofile antidroga. I cani hanno segnalato la presenza del carico di stupefacenti, che è stato rinvenuto all’interno di uno spazio realizzato ad arte nel tetto del cassone frigo. All’esito delle operazioni, lo stupefacente – per un valore commerciale al dettaglio di oltre 600.000 euro – ed il mezzo di trasporto utilizzato dal corriere sono stati sottoposti a sequestro, mentre il responsabile del traffico illecito è stato tratto in arresto ed associato alla casa circondariale di Bari, a disposizione della Autorità Giudiziaria.


© RIPRODUZIONE ANCHE PARZIALE RISERVATA - Borderline24 Il giornale - Ti invitiamo a usare i bottoni di condivisione e a non copiare l'articolo.

ConfagricolturaBari
CattolicaBari

LASCIA UN COMMENTO:

Scrivi il tuo commento
Il tuo nome qui