Cabtutela.it
acipocket.it

Per Marco Jacobini, l’ex presidente della Banca popolare di Bari, il Tribunale del Riesame di Bari dovrà rivalutare la sussistenza delle esigenze cautelari. Lo ha stabilito la Corte di Cassazione accogliendo il ricorso dei difensori dell’indagato, nell’ambito del procedimento relativo alla gestione dell’istituto di credito barese che ha portato nel gennaio scorso al suo arresto.

Attualmente l’ex presidente della Popolare di Bari è sottoposto alla misura del divieto di dimora nel comune di Bari e all’interdizione per 12 mesi, dopo che nel luglio scorso il Riesame aveva revocato gli arresti domiciliari sostituendoli con quelle misure. I difensori, gli avvocati Francesco Paolo Sisto (Studio FPS) e Giorgio Antoci, avevano impugnato la decisione sostenendo «la mancanza dei presupposti per il mantenimento di ogni misura», non avendo ormai l’indagato alcun rapporto con la banca dopo il commissariamento. Ora la Cassazione, accogliendo il loro ricorso, ha annullato con rinvio quell’ordinanza. «Di seguito all’intervento del giudice di legittimità – commentando i legali – il Tribunale del Riesame dovrà pertanto nuovamente vagliare la vicenda». Nell’ambito di questo procedimento, Marco Jacobini è a processo dinanzi al Tribunale di Bari con il figlio Gianluca, ex condirettore generale della banca, per i reati di falso in bilancio, falso in prospetto e ostacolo alla vigilanza.


© RIPRODUZIONE ANCHE PARZIALE RISERVATA - Borderline24 Il giornale - Ti invitiamo a usare i bottoni di condivisione e a non copiare l'articolo.

ConfagricolturaBari
CattolicaBari

LASCIA UN COMMENTO:

Scrivi il tuo commento
Il tuo nome qui