Cabtutela.it
acipocket.it

Il 41enne Antonio Colamonico avrebbe confidato in carcere ad un detenuto di aver ucciso l’ex amante Bruna Bovino, la 29enne italo-brasiliana morta il 12 dicembre 2013 nel suo centro estetico a Mola di Bari. Il verbale con le dichiarazioni del detenuto, il pregiudicato Domenico Rana che riferisce la confessione di Colamonico, è stato depositato dalla Procura generale di Bari nel processo di Appello bis a carico del 41enne, dopo la sentenza della Cassazione che un anno fa aveva annullato con rinvio l’assoluzione dell’imputato. Colamonico era stato arrestato nell’aprile 2014 con l’accusa di omicidio volontario e incendio doloso, appiccato secondo l’accusa per cancellare le prove del delitto appena compiuto. Il corpo della 29enne, infatti, fu trovato semicarbonizzato sul pavimento del centro estetico dopo essere stata uccisa con 20 colpi di forbici e strangolata. Nel processo, che è stato rinviato al 4 marzo, sono costitute come parti civili la madre della vittima, l’ex marito con la figlia minorenne, il padre e le associazioni antiviolenza Safiya Onlus e Giraffa.

In primo grado, nel luglio 2015, Colamonico era stato condannato alla pena di 25 anni di reclusione. In appello poi, nel novembre 2018, era stato assolto e ora un nuovo collegio della Corte di Assise di Appello è chiamato a rivalutare la sua presunta responsabilità. Il sostituto pg Carmelo Rizzo ha chiesto per Colamonico la condanna a 28 anni di reclusione. Oggi era attesa la sentenza ma l’accusa ha depositato un nuova prova. Le dichiarazioni di Rana, aspirante collaboratore di giustizia non ammesso al programma di protezione, risalgono al 3 dicembre 2020. Il pregiudicato ha raccontato di aver raccolto le confidenze di Colamonico nel periodo di detenzione nel carcere di Lucera.

«Salutiamo come difesa favorevolmente questo dato: è la prova che la Procura non ha in mano una prova certa e convincente della responsabilità di Colamonico e tenta in tutti i modi di trovare un elemento di forte suggestione che possa indurre i giudici ad emettere una sentenza di condanna». Lo ha dichiarato l’avvocato Massimo Roberto Chiusolo, co-difensore con Nicola Quaranta del 41enne Antonio Colamonico, imputato per l’omicidio dell’ex amante Bruna Bovino. Il difensore commenta così le dichiarazioni di un detenuto che avrebbe raccolto in carcere la confessione di Colamonico come autore del delitto. «Se il processo fosse stato granitico e convincente in tutte le sue parti, in tutti i suoi passaggi, ciò non sarebbe stato necessario – continua Chiusolo – Spunta questo pentito, neanche ammesso al programma di protezione, il che la dice lunga sulla qualità del soggetto. Provvederemo a demolirlo nella prossima udienza così come abbiamo smontato punto per punto tutte le prove che a noi paiono insufficienti a determinare un giudizio di colpevolezza di Colamonico».


© RIPRODUZIONE ANCHE PARZIALE RISERVATA - Borderline24 Il giornale - Ti invitiamo a usare i bottoni di condivisione e a non copiare l'articolo.

ConfagricolturaBari
CattolicaBari

LASCIA UN COMMENTO:

Scrivi il tuo commento
Il tuo nome qui