Cabtutela.it
acipocket.it
MangAmi

U.N.I.T.A. (Unione Nazionale Interpreti Teatro e Audiovisivo) ha invitato i Teatri nazionali a illuminare e tenere aperti i propri edifici la sera del 22 febbraio (dalle 19.30 alle 21.30). Teatri di Bari accoglie l’appello e aderisce all’iniziativa illuminando il Teatro Kismet di Bari, il Teatro Radar di Monopoli e il laboratorio urbano La Cittadella degli Artisti di Molfetta.

“Unita – si legge in una nota  –  ha chiesto a tutti gli artisti, a tutte le maestranze e al pubblico delle città di organizzare, ovunque possibile, – rispettando ogni misura di sicurezza – un presidio dei teatri nella serata del 22 febbraio, perché questi luoghi tornino simbolicamente ad essere ciò che da 2500 anni sono sempre stati: piazze aperte sulla città, motori psichici della vita di una comunità”.

“Questo tempo “malato” ci ha costretti all’isolamento. Il teatro è il mezzo per infrangere questo cerchio di solitudine. Nel rispetto delle disposizioni di legge, dopo un anno di chiusura, è necessario tornare in scena “prima che un’intera comunità – citando Sofocle – si ammali di tristezza non riuscendo più ad immaginare un futuro“, dice la regista e drammaturga Teresa Ludovico, curatrice delle stagioni di Teatri di Bari.

Teatri di Bari invita il pubblico a lasciare un pensiero scritto su un foglio portato da casa. Per chi lo desiderasse, c’è anche la possibilità di inviare un pensiero, una citazione, la frase dello spettacolo o autore preferito, che sarà poi pubblicato sui social di Teatri di Bari. Basta scrivere in privato via Messenger alla pagina Facebook Teatri di Bari, indicando possibilmente nome, cognome e città.


© RIPRODUZIONE ANCHE PARZIALE RISERVATA - Borderline24 Il giornale - Ti invitiamo a usare i bottoni di condivisione e a non copiare l'articolo.

ConfagricolturaBari
CattolicaBari

LASCIA UN COMMENTO:

Scrivi il tuo commento
Il tuo nome qui