lapugliativaccina.regione.puglia.it

Alla vigilia della partita contro la Vibonese, in programma domenica alle 17:30 al San Nicola, mister Mignani parla dell’attuale situazione in casa Bari, spiegando che l’unico risultato da perseguire è la vittoria. Dopo la sconfitta contro la Juve Stabia, rimediata dai biancorossi la settimana scorsa, il mister sottolinea l’importanza della vittoria nel prossimo incontro, valevole per il quattordicesimo turno del girone C di Serie C.

Il Bari sempre primo in solitaria a quota 27 punti, ospiterà la Vibonese penultima in classifica, uno scontro che almeno sulla carta sembrerebbe già scritto, ma il mister non è dello stesso avviso. “La Vibonese ha i giocatori per mettere in difficoltà chiunque – commenta Mignani – per fare nostra la partita dobbiamo scendere in campo con la nostra solita fame di vincere”.

Il mister spende qualche parola anche sul concetto di ripartenza, di cui hanno parlato gli addetti ai lavori dopo la prestazione contro la Juve Stabia: “Abbiamo bisogno di ripartire alla grande, anche se a me non piace la parola ripartire, perché noi stiamo facendo un percorso e le cadute capitano” – conclude Mignani. “A livello globale la squadra sta bene – commenta il mister – ci può essere qualche giocatore che può avere un po’ più di stanchezza ma dosiamo sempre il lavoro per farli arrivare la domenica, più freschi possibili”.

Detto questo, tra i 24 convocati per la partita fra le mura amiche del San Nicola in programma domenica alle ore 17:30 spuntano nuovamente i nomi di Maita e di Lollo, out lo squalificato Gigliotti: Portieri: 1.Frattali, 13.Polverino, 22.Plitko Difensori: 5.Celiento, 23.Mazzotta, 24.Belli, 25.Pucino, 26.Terranova, 31.Ricci Centrocampisti: 4.Maita, 8.Bianco, 14.D’Errico, 19.De Risio, 20.Lollo, 21.Di Gennaro, 29.Scavone, 99.Mallamo Attaccanti: 7.Antenucci, 9.Simeri, 10.Botta, 11.Cheddira, 18.Citro, 30.Marras, 88.Paponi


© RIPRODUZIONE ANCHE PARZIALE RISERVATA - Borderline24 Il giornale - Ti invitiamo a usare i bottoni di condivisione e a non copiare l'articolo.

ConfagricolturaBari

LASCIA UN COMMENTO:

Scrivi il tuo commento
Il tuo nome qui