lapugliativaccina.regione.puglia.it
dona-il-sangue-regione-puglia-it
acquapertutti-aqp

Non si placa la morsa del caldo in Puglia, più nello specifico nel Barese dove nelle giornate di mercoledì 29 e giovedì 30 è previsto bollino rosso per il caldo. Complice di questo caldo, l’anticiclone africano Caronte che continua ad imporre la sua presenza su tutto il territorio, con temperature pronte a sfiorare anche i 40 gradi.

Ad aggravare la situazione dei prossimi giorni, la totale assenza di precipitazioni consistenti che oltre ad appesantire la sensazione di caldo acuendo la percezione delle altissime temperature, aggraveranno il fronte siccità, provocando non pochi danni ai raccolti. Ma non solo, a lanciare l’allarme è il Governo che con l’ultimo bollettino sulle ondate di calore, ha voluto allertare i cittadini in merito alle ripercussioni che le temperature elevate potrebbero avere soprattutto su bambini e anziani. Nei prossimi giorni, in particolare, è previsto un netto peggioramento dell’afa. A Bari, già nella giornata di oggi, le temperature hanno raggiunto i 36 gradi intorno alle 14, con una temperatura massima percepita di 37 gradi. Nella giornata di domani, già a partire dalle 8 del mattino le temperature sfioreranno i 30 gradi, mentre alle 14 ci sarà il picco che raggiungerà i 36 gradi (37 percepiti). Il 30 giugno, invece, alle 8 del mattino, le temperature raggiungeranno i 38 gradi, mentre alle 14 i 31 gradi. La temperatura massima percepita sarà di 35 gradi.

Ancora nessun dettaglio sulle giornate successive, si tratta però di un caldo anomalo, soprattutto perché presente nel mese di giugno, periodo in cui, solitamente, il picco di calore non viene ancora raggiunto. Gli esperti consigliano (soprattutto ad anziani e bambini), di restare al fresco, bere molta acqua e, se necessario, bagnarsi spesso polsi e testa.

Foto repertorio


© RIPRODUZIONE ANCHE PARZIALE RISERVATA - Borderline24 Il giornale - Ti invitiamo a usare i bottoni di condivisione e a non copiare l'articolo.

ConfagricolturaBari

LASCIA UN COMMENTO:

Scrivi il tuo commento
Il tuo nome qui