lapugliativaccina.regione.puglia.it
dona-il-sangue-regione-puglia-it
acquapertutti-aqp

Secondo turno di Coppa Italia per il Bari, ospitato dal Verona di Gabriele Cioffi, reduce da una fantastica stagione in Serie A. I padroni di casa aprono le danze al 16′ con Lasagna e i biancorossi soffrono. Al 30′ Folorunsho rimette il risultato in parità e il Bari sale in cattedra. Cheddira mattatore del match con una tripletta, l’attaccante segna al 44′ al 53′ su rigore e al 78′, annichilendo gli avversari. Ecco il racconto del match.

Al Bentegodi va in scena la seconda partita ufficiale della nuova stagione della SSC Bari. Il campionato di Serie B però deve attendere e dunque ci pensa la Coppa Italia a riempire le giornate dei biancorossi. Il Verona esordisce in questa edizione della coppa nazionale cercando subito di strappare il pass per i sedicesimi, schierando quelli che molto probabilmente saranno gli 11 che affronteranno la Serie A. Circa 6000 tifosi presenti allo stadio, di cui 411 di fede biancorossa.

Primi 10′ di gioco caratterizzati da un Verona molto propositivo e che cerca subito di imporre il proprio gioco. I biancorossi si difendono bene ed evitano di far arrivare in area gli avversari. Al 16′ però il muro del Bari viene scavalcato da Lasagna, Caprile si supera sul colpo di testa di Henry, ma Lasagna sul tap-in non può sbagliare e fa 1-0. Il Bari al 30′ dimostra di essere ancora vivo, Cheddira da posizione defilata chiama alla parata Montipò e Folorunsho di testa non sbaglia il tap-in.

Il Bari sulle ali dell’entusiasmo, cerca il gol del vantaggio con Ricci, che si fa 40 metri, calcia ma il suo tiro viene bloccato dall’estremo difensore gialloblù. Al 44′ ancora Bari, ancora Cheddira. L’attaccante lanciato da Benedetti, manda al bar Günter con una finta e deposita in rete per il 2-1.

Il Verona però non ci sta e al 46′ va vicino al pari. Prima con Henry che tira addosso a Caprile e poi con Lasagna che non centra la porta, complice la deviazione della difesa biancorossa. Al termine dei 3′ di recupero, il Bari va vicinissimo al doppio vantaggio con Maita che impegna dalla distanza Montipò.

Secondo tempo ancora nel segno di Cheddira che si insinua nella difesa veronese e chiama all’intervento Montipò al 48′. Sul ribaltamento il Verona vicino al pari ma Caprile con un super intervento nega la gioia del gol a Faraoni. Al 52′ Maita si procura un calcio di rigore che Cheddira non fallisce e fa 3-1 spiazzando l’estremo difensore.

Verona che prova a rientrare in partire con Henry che al 56′ si vede negato il gol da uno straordinario Caprile. Il portiere del Bari assoluto protagonista del match.

Al 69′ una follia di Faraoni, lascia in 10 il Verona. Il capitano dei gialloblù trattiene Botta per la maglia, poi gli rifila una manata in volto e l’arbitro è costretto ad ammonirlo due volte. Al 78′ Cheddira chiude il match con la sua tripletta. Maita ci prova al volo sull’assist di Bellomo, respinge il portiere e poi Cheddira in qualche modo deposita in rete per il 4-1. Sempre e solo Bari, al minuto 82′ ci prova ancora Maita che però trova attento Montipò.

Senza recupero finisce questo secondo turno di Coppa Italia con un Bari straripante. I biancorossi dovranno attendere il risultato di Salernitana-Parma per conoscere gli avversari dei sedicesimi. (foto ssc bari)


© RIPRODUZIONE ANCHE PARZIALE RISERVATA - Borderline24 Il giornale - Ti invitiamo a usare i bottoni di condivisione e a non copiare l'articolo.

ConfagricolturaBari

LASCIA UN COMMENTO:

Scrivi il tuo commento
Il tuo nome qui