lapugliativaccina.regione.puglia.it

Il Bari riassapora il dolce sapore della vittoria superando per 3-0 il Cittadella. Mignani cambia volto alla propria squadra passando ad un 4-3-2-1 che si rivela subito un modulo efficace in grado di compattare la squadra e dare maggior imprevedibilità. Ma quella di Cittadella è stata, soprattutto, la partita di Aurélien Scheidler: il francese ha zittito i critici con un gol e un assist, fornendo anche una grande prestazione. Dopo diverse partite scialbe, il Bari ritrova lo spirito giusto e torna a far sognare i propri tifosi.

FORMAZIONE INIZIALE:

Biancorossi a Cittadella con l’obiettivo di tornare alla vittoria. Mignani deve fare i conti con una mini lista di infortunati. L’ultimo a fermarsi è stato il difensore Gigliotti. Ancora out Ceter e Ricci. Assente anche Cheddira che continua il suo ‘sogno mondiale’ con la nazionale marocchina approdata ai quarti di finale. Il tecnico del Bari cambia volto alla sua squadra optando per un più cauto 4-3-2-1 con Benedetti a centrocampo e l’inedito duo Folorunsho – Botta alle spalle dell’unica punta Scheidler. Tutto confermato in difesa con Dorval e Pucino sugli esterni, Di Cesare e Vicari coppia centrale.

Nel Cittadella, il tecnico Gorini si affida al 4-3-1-2 e propone l’ex calciatore del Monopoli, Donnarumma sulla corsia esterna sinistra. Sulla trequarti confermatissimo Mirko Antonucci (quasi omonimo dell’attaccante del Bari, Mirco Antenucci), classe ’99 cresciuto nel vivaio della Roma e capocannoniere dei veneti con 5 gol. In attacco al fianco di Magrassi c’è Mamadou Tounkara, già in rete contro il Bari quando militava nella Viterbese.

PRIMO TEMPO:

Parte subito forte il Cittadella che, al minuto 3, va alla conclusione con Mattioli, ma Caprile para senza difficoltà. Qualche secondo più tardi si fa vivo il Bari con Scheidler che serve Benedetti: la conclusione del centrocampista scheggia la traversa. Ma c’era off side. Al sesto minuto, primo cambio per il Cittadella che perde Magrassi per infortunio, al suo posto l’ex Varela. Ancora Bari pericoloso al minuto 11 con un bel cross di Pucino che non viene intercettato da Benedetti. La partita si sblocca al minuto 12 con il personaggio più atteso e discusso: Aurélien Scheidler. Il francese è bravo e fortunato ad approfittare di uno scivolone di Del Fabbro e a superare il portiere Kastrati. Al minuto 21 grande accelerazione di Benedetti che serve Folorunsho, ma la conclusione dell’ex Reggina non impensierisce Kastrati. Al minuto 23 carambola in area veneta, la palla termina sui piedi di Botta, ma il tiro dell’argentino viene deviato in corner. Insiste il Bari e ci prova ancora Folorunsho che impegna l’estremo difensore granata. Al minuto 26 Mattioli ruba palla a Benedetti, ma il suo tiro a giro termina alto. Cittadella vicino al pari pochi secondi dopo con Mastrantonio, ma il suo tiro sibila alla sinistra di Caprile. Il Bari raddoppia al minuto 32: Folorunsho ruba palla a Mastrantonio e mette in rete con un destro potente. Mastrantonio cerca di farsi perdonare al minuto 42 ma il suo colpo di testa viene respinto da Caprile. Al minuto 45 ci prova Vita, ma il suo potente tiro viene neutralizzato dall’estremo difensore biancorosso. Dopo 3 minuti di recupero, l’arbitro Piccinini decreta la fine di un divertente primo tempo che il Bari chiude meritatamente in vantaggio.

SECONDO TEMPO:

La ripresa si apre con il tecnico del Cittadella Gorini che inserisce Carriero al posto di Mattioli. Ancora un cambio per il “Citta” al minuto 48 con Cassandro che prende il posto dell’infortunato Tounkara. Al minuto 50, Scheidler salta più in alto di tutti su un corner battuto da Botta, ma il suo colpo di testa risulta centrale e Kastrati blocca senza troppi patemi. Al minuto 53, occasione clamorosa per i veneti con Mastrantonio che colpisce il palo a porta sguarnita dopo un tiro di Vita deviato da Caprile. Al minuto 62 cerca gloria anche Benedetti, ma il suo colpo di testa viene per parato da Kastrati. Primo cambio per il Bari al minuto 63 con Bellomo che sostituisce un esausto Ruben Botta. Al minuto 64, Di Cesare si immola su un tiro di Branca e salva i galletti. La chiude il Bari al minuto 63: Scheidler è bravissimo a proteggere la palla e a servire l’accorrente Maita che supera il portiere ed insacca per il 3-0 biancorosso. Al minuto 75, doppio cambio per Mignani che mette dentro Mallamo e Salcedo al posto di Folorunsho e Scheidler. Altri cambi per il Bari al minuto 86 con D’Errico e Terranova che prendono il posto di Maiello e Benedetti. Non accade più nulla sino al minuto 93 e il Bari torna alla vittoria dopo due mesi, blindando il terzo posto.

PAGELLE:

Riscatto Scheidler, Benedetti macina chilometri.

Caprile 6.5, Pucino 6, Di Cesare 6.5, Vicari 6.5, Dorval 6.5, Maita 6.5, Maiello 7 (86′ Terranova sv), Benedetti 7 (86′ D’Errico sv), Folorunsho 7 (75′ Mallamo sv), Botta 6 (63′ Bellomo 5.5) , Scheidler 7.5 (75′ Salcedo sv)

Mignani 7

TABELLINO

MARCATORI: 12′ Scheidler 32′ Folorunsho 68′ Maita

FORMAZIONI INIZIALI:

CITTADELLA (4-3-1-2): Kastrati, Mattioli, Del Fabro, Frare, Donnarumma, Vita, Branca (c), Mastrantonio, Antonucci, Tounkara, Magrassi

A disposizione: Maniero, Perticone, Visentin, Embalo, Carriero, Mazzocco, Ciriello, Pavan, Lores Varela, Danzi, Cassandro, Asencio

All. E. Gorini

BARI (4-3-2-1): Caprile, Pucino, Di Cesare (c), Vicari, Dorval, Maita, Maiello, Benedetti, Folorunsho, Botta, Scheidler

A disposizione: Frattali, Antenucci, D’Errico, Salcedo, Galano, Terranova, Zuzek, Mazzotta, Bosisio, Bellomo, Cangiano, Mallamo

All. M. Mignani

SQUADRA ARBITRALE: Arbitro: Marco Piccinini della sezione di Forlì. Assistenti: Luigi Rossi della sezione di Rovigo e Tiziana Trasciatti della sezione di Foligno.

Quarto ufficiale: Gianluca Manganiello della sezione di Pinerolo. VAR: Marco Guida (Torre Annunziata). AVAR: Filippo Bercigli (Firenze).

Ammoniti: Varela, Mastrantonio, Carriero, Maiello.

Espulsi: —

Angoli: 7-3

Spettatori: 3.539 spettatori (1.522 abbonati; 374 tifosi ospiti)

(Foto ssc bari)


© RIPRODUZIONE ANCHE PARZIALE RISERVATA - Borderline24 Il giornale - Ti invitiamo a usare i bottoni di condivisione e a non copiare l'articolo.

ConfagricolturaBari

LASCIA UN COMMENTO:

Scrivi il tuo commento
Il tuo nome qui