MARTEDì, 16 LUGLIO 2024
74,587 ARTICOLI
Dir. resp.:Samantha Dell'Edera
redazione@borderline24.com

Per segnalazioni: +39 375 5535222
74,587 ARTICOLI

Direttore Responsabile: Samantha Dell'Edera
Per segnalazioni:
Cell. +39 375 5535222
Email: redazione@borderline24.com

Allarme fumo passivo, tra 0 e 2 anni l’esposizione è alta

È quanto emerso dai risultati di un'indagine

Pubblicato da: redazione | Sab, 1 Aprile 2023 - 10:28
- PUBBLICITÀ LEGALE -
bari.aci.it"

Tra 0 e due anni l’esposizione al fumo passivo è alta. È quanto emerso dai risultati di un’indagine presentati presso l’Istituto Superiore di Sanità (Iss), del Sistema di Sorveglianza 0-2 anni sui principali determinanti di salute del bambino, promosso dal ministero della Salute e coordinato dall’Iss, in collaborazione con le Regioni. Secondo i dati, nonostante oltre il 90% delle mamme intervistate abbia riferito di non aver fumato durante la gravidanza e oltre 8 su 10 abbiano confermato di non aver consumato bevande alcoliche, sono ancora troppi i bambini potenzialmente esposti al fumo passivo per via della presenza di almeno un genitore o di persone conviventi fumatrici. In particolare, a rischio, è il 38% dei bimbi.

Non solo allarme fumo passivo, secondo i dati, tra gli 11 e i 15 mesi, oltre la metà dei piccoli è stata già esposta a schermi, tra tv, computer, tablet o cellulari. Nel corso della rilevazione sono state intervistate oltre 35mila mamme di bimbi fino a 1000 giorni di vita tramite un questionario autocompilato all’interno dei centri vaccinali nei mesi tra giugno e ottobre 2022. L’obiettivo dell’indagine, è quello di produrre indicatori a livello regionale o aziendale per attuare un piano di prevenzione.

“Investire nelle prime epoche della vita – ha commentato Giovanni Capelli, Direttore del Centro Nazionale per la Prevenzione delle Malattie dell’Iss – significa favorire ricadute positive lungo tutto l’arco dell’esistenza, non solo nel singolo ma nell’intera comunità I risultati dell’edizione 2022 della Sorveglianza mostrano che i comportamenti favorevoli al pieno sviluppo psico-fisico dei bambini non sono sempre garantiti ed evidenziano differenze territoriali e socio-economiche meritevoli di attenzione” – ha concluso.

Foto repertorio

© RIPRODUZIONE ANCHE PARZIALE RISERVATA - Borderline24.com
Ti invitiamo a usare i bottoni di condivisione e a non copiare l'articolo.

Bari, giostre e giochi: a Torre...

Da venerdì 19 a domenica 28 luglio, nell’area parcheggio antistante la...
- 16 Luglio 2024

Sanità, solo 13 Regioni promosse sui...

Nell'anno 2022 sono soltanto 13 le Regioni che hanno raggiunto la...
- 16 Luglio 2024

Istituto tumori di Bari, c’è il...

 Il prof. Nicola Silvestris sarà dal prossimo 1° settembre il nuovo...
- 16 Luglio 2024

In 66 sbarcano a Leuca, ci...

Un gruppo di 66 migranti di nazionalità iraniana, afgana e irachena,...
- 16 Luglio 2024