Cabtutela.it
acipocket.it
aqp.it

BARI – Giovedì 25 febbraio al Teatro Di Cagno di Bari la compagnia “La Torre del Drago” porta in scena Dinastie Bastarde (la storia del Re Diavolo)”, tragedia in due atti di Luigi Facchino, regista e interprete dello spettacolo tratto dall’omonimo libro edito da WIP Edizioni. Oltre a Facchino gli interpreti sono Nicolas De Filippis, Marco De Letteris, Roberta De Bebedictis, Annalisa Intrieri, Teresa Clemente, Francesco Latorre, Luca Filograno, Giuseppe Bozzi, Vito Di Anna.

\r\n

La storia

\r\n

Una accanita lotta per la supremazia si consuma da tempo tra le nobili famiglie del regno. Ultan, dopo aver conquistato il potere con la violenza, regna ormai da più di vent’anni sull’isola. E’ un re ancora piuttosto giovane che però vive ogni giorno nella follia dei suoi tormenti: l’uccisione del vecchio sovrano e il rinnegamento di un figlio bastardo, Dalach, concepito con una donna del popolo. Una leggenda narra che Dalach, da ragazzo, abbia ricevuto la visita del diavolo e che da allora sia stato marchiato per sempre: la sua vita sarà votata alla lussuria e a ogni forma di perdizione. Il cuore nero del principe è scosso da un’altalena di emozioni che vanno dall’odio/amore nei confronti del padre allo spirito di rivalsa nei confronti dei fratelli, fino alla inattesa scoperta del sentimento più grande, l’Amore. Ma è principalmente il rapporto tra padre e figlio a determinare tutte le azioni che agitano la vicenda; vicenda classicamente ‘tragica’, perché vi scorre il sangue e perché tutti i sentimenti bruciano in maniera incontrollabile e devastante.

\r\n

Lo spettacolo, finalista al Gran Premio del Teatro Amatoriale, tenutosi a Roma lo scorso gennaio, ha vinto la Prima Edizione di Scena.0, Premio per il Teatro 2015, organizzato dalla F.I.T.A.  (Federazione Italiana Teatro Amatori) Puglia.

\r\n \r\n\r\n 


© RIPRODUZIONE ANCHE PARZIALE RISERVATA - Borderline24 Il giornale - Ti invitiamo a usare i bottoni di condivisione e a non copiare l'articolo.

ConfagricolturaBari
CattolicaBari

LASCIA UN COMMENTO:

Scrivi il tuo commento
Il tuo nome qui