Cabtutela.it

BARI – È intervenuto nel corso della sesta giornata del Bif&st 2016 anche Elio Germano, uno dei talenti più promettenti dell’ultima generazione di attori italiani. Da sempre impegnato nel veicolare messaggi dal forte contenuto sociale, l’attore ha tenuto un dibattito sull’associazione Artisti 7607, attiva nel campo della difesa del diritto d’autore per i professionisti della recitazione, a proposito della quale ha dichiarato:\r\n\r\n“È un’associazione di artisti che, invece di lamentarsi, hanno cercato di risolvere i problemi con il confronto e la condivisione. È nata nel momento in cui ci siamo resi conto di non sapere molto di quelli che sono i nostri diritti, soprattutto nel caso dei colleghi più giovani.”\r\n\r\nA proposito della sua partecipazione al festival del cinema della nostra città, commenta: “Ogni volta che un attore va aun festival non ha mai modo di vedere film e di fare quello che vorrebbe, ma sicuramente la percezione dall’esterno trasmette una cosa molto bella ossia l’impegno nell’unire il cinema del passato, che è quello che ci ha resi famosi in tutto il mondo, alle nuove proposte. Con questi festival si riesce a riavvicinare il cinema alla gente, perché ci sono tanti film che gli italiani ignorano, anche quelli realizzati con i soldi dello Stato e quindi anche con i nostri”.\r\n\r\nIn omaggio alla nostra terra, Germano ha voluto esprimere la sua opinione circa l’imminente referendum del 17 aprile. “Che sia chiaro innanzitutto che tutti i no triv debbano votare sì! Perché, per come l’hanno posta, sembra una domanda a trabocchetto. A me sarebbe piaciuto che questa domanda fosse stata posta prima, prima che mettessero le trivelle nei nostri mari. A prescindere dal fatto che il risultato del referendum cambi qualcosa o no nei fatti, è importante andare a votare perché un referendum è un modo per esprimere la nostra opinione, liberi dai partiti di cui spesso ci lamentiamo. Al di là di come la si pensa, l’importante è che il 17 aprile si vada a votare in modo che l’oscurantismo che stanno mettendo in campo, non trionfi”.


© RIPRODUZIONE ANCHE PARZIALE RISERVATA - Borderline24 Il giornale - Ti invitiamo a usare i bottoni di condivisione e a non copiare l'articolo.

ConfagricolturaBari
CattolicaBari

LASCIA UN COMMENTO:

Scrivi il tuo commento
Il tuo nome qui