Cabtutela.it
acipocket.it

Vino naturale, biologico, biodinamico: che cos’è?\r\n\r\nQuali sono le vere differenze con la produzione convenzionale?\r\n\r\nCome districarsi nello scegliere una bottiglia?\r\n\r\nIl vino è cultura materiale dei popoli, espressione della biodiversità, narratore di territori.\r\n\r\nIl vino è massificazione del gusto, impersonale e modaiolo.\r\n\r\nIl vino è se stesso e il suo contrario.\r\n\r\nIl primo errore da non commettere è descriverlo in base all’uva da cui è prodotto: qualsiasi vitigno può produrre eccellenza e mostruosità.\r\n\r\nDovremmo smettere di andare in enoteca e al ristorante chiedendo Gewurztraminer e Negroamaro. Di dire che ci piace il Pinot Nero ma che non sopportiamo il Primitivo. Non tanto e non solo perché è sbagliato, ma soprattutto perché non è garanzia di buona bevuta.\r\n\r\nGli aspetti che fanno la differenza sono la cantina, il luogo, le scelte produttive.\r\n\r\nE l’ascolto del proprio piacere. Siamo spesso bombardati da teorie del momento, dal marketing dei colossi industriali, dal sapore costruito a tavolino. Tanto da non riuscire più a sentire che cosa ci gratifica davvero.\r\n\r\nLa naturalità migliora l’espressione di un vino, esaltandone le peculiarità; aumenta la digeribilità e abbatte i mal di testa.\r\n\r\nVino biologico vuol dire ancora troppo poco: l’uva è mediamente pulita, ma le maglie larghe della legge permettono di manipolare non poco in cantina.\r\n\r\nIl concetto di biodinamica riconduce all’antroposofo Rudolf Steiner e al suo approccio olistico (la terra e la vita che vi si sviluppa sono un tutt’uno). La biodinamica è rispetto dei cicli lunari e sovescio: rotazione colturale e utilizzo di piante fertilizzanti. Tra i tanti preparati, il più conosciuto è il “500”: si interrano per un intero inverno corni di vacca dopo aver posto al loro interno deiezioni fresche; in primavera – quando il letame si trasforma in nobile humus – si svuotano in appositi contenitori rivestiti internamente di rame e il preparato viene utilizzato per due anni come fertilizzante. L’idea è quella di ridare vita e energia alla terra, tematica criticamente contemporanea, visto il diffondersi dello sfruttamento intensivo e chimico dei suoli. L’approccio garantisce espressione di biodiversità e vitalità nella zolla e nel bicchiere. Purché la biodinamica non sia approccio di produttori approssimativi che inseguono una nuova tendenza di consumo.\r\n\r\nNon ci facciamo mancare nemmeno la novità del vino vegano. Si può definire tale un vino in cui non sia presente alcun prodotto di origine animale, prime fra tutte l’albumina e la caseina in veste di chiarificanti.\r\n\r\nMa il problema di fondo è come faccia il consumatore a capire quali vini appartengano a quale categoria. Non sempre i produttori sposano l’idea della certificazione. Non sempre l’ente che certifica ha fatto un buon lavoro. E quindi ci sono vini buonissimi e naturali sulla cui etichetta non è scritto nulla. Ci sono anche vini mediocri e un po’ puzzolenti sulla cui etichetta c’è il marchio Demeter (biodinamico). Ci sono brutture biologiche, non sensi vegani e ottimi convenzionali.\r\n\r\nInsomma, documentatevi su chi produce, se ne avete il tempo. Leggete storie di produzioni e produttori, andate a trovarli, bevete in compagnia e confrontatevi a bottiglia coperta. L’approccio curioso e privo di pregiudizi conservatori è il primo aspetto a fare la differenza. Ma se il tempo non c’è, affidatevi a enotecari o ristoratori che meritino la vostra fiducia, facendovi trasportare verso la scoperta e il divertimento nel gusto.


© RIPRODUZIONE ANCHE PARZIALE RISERVATA - Borderline24 Il giornale - Ti invitiamo a usare i bottoni di condivisione e a non copiare l'articolo.

ConfagricolturaBari
CattolicaBari

LASCIA UN COMMENTO:

Scrivi il tuo commento
Il tuo nome qui