Cabtutela.it
acipocket.it
aqp.it

BARI – Si è concluso con una sconfitta per 3 a 2 dell’Italia contro la Thailandia il Grand Prix di Bari (25-20, 23-25, 25-23, 19-25, 15-11). Le azzurre sono crollate durante il recupero mattutino della gara sospesa venerdì scorso a causa di un blackout elettrico. La squadra di Bonitta ha resistito fino al tie break, ma non è riuscita a chiudere il match, infrangendosi contro le schiacciate delle giovani pallavoliste thailandesi. Ora si fa più dura la qualificazione per le Final Six.\r\n\r\nL’ultima gara del torneo è stata caratterizzata da un avvio super della squadra asiatica che si è aggiudicata 21 punti a 19 il primo set. Nel secondo parziale l’Italia ha reagito, riuscendo a strappare il set alle asiatiche. Nel terzo set le azzurre si sono inceppate: due errori nel finale hanno permesso alla Thailandia di aggiudicarsi l’ultima gara della competizione. Cala così il sipario sulla tappa italiana del Grand Prix, con tre delle quattro squadre partecipanti qualificate alle Olimpiadi di Rio 2016.\r\n\r\n“Abbiamo fatto una buona partita contro la squadra titolare della Thailandia – ha dichiarato la giocatrice Imma Sirressi – mi dispiace perché non siamo state incisive fino alla fine. Abbiamo fatto qualche errore all’inizio, siamo entrate in campo un pò insicure, non determinate come negli altri set e abbiamo perso il tie break. L’orario della gara sicuramente ha determinato un po’ l’andamento della gara, un po’ di pubblico in più ci avrebbe fatto bene. Indossare la maglia azzurra è indescrivibile, ci prepariamo per il week end in Turchia dove potremo fare bene”\r\n\r\nNella serata di domenica 3367 spettatori hanno assistito alle sfide Olanda-Thailandia e Italia-Russia. Il non facile cammino delle azzurre prosegue ad Ankara dove nel prossimo week end le azzurre incontreranno Brasile, Belgio e Turchia.\r\n\r\n 


© RIPRODUZIONE ANCHE PARZIALE RISERVATA - Borderline24 Il giornale - Ti invitiamo a usare i bottoni di condivisione e a non copiare l'articolo.

ConfagricolturaBari
CattolicaBari

LASCIA UN COMMENTO:

Scrivi il tuo commento
Il tuo nome qui