Cabtutela.it

Cresce la tensione sui ritardi del trasporto ferroviario in Puglia. Stamattina allarme a Mesagne (Brindisi) per alcune auto rimaste intrappolate in una intersezione stradale con i binari, dopo la chiusura delle sbarre del passaggio a livello.\r\n\r\nAlcune vetture sono rimaste nell’area adiacente i binari mentre passava un treno. Un giovane, che ha denunciato l’accaduto sui social, ha chiamato 113 e vigili urbani, giunti poi a governare il traffico. Ecco il commento su Fb di Mimmo Rogoli, testimone: “Ecco la scena a cui ho assistito stamattina. Tre auto intrappolate sui binari. Non volevo crederci. Chiamo il 113…il primo numero che mi viene in mente. Nessuna risposta. Scendo dalla macchina, nel frattempo hanno spostato le auto ferme al centro dei binari a ridosso delle pale che non si alzavano nemmeno manualmente. Il treno fermo in stazione (per fortuna). Prontamente sono arrivati i vigili urbani che prendono in mano la situazione agevolando il passaggio del treno e decongestionando il traffico. La gente incredula. Mi ero ripromesso di non dire nulla per rispetto a tutte quelle persone che hanno perso la vita l’altro giorno. Però al ministro Delrio, che si è ricordato solo adesso del Sud e della sicurezza, e a tutti quelli che fanno i potenti con i soldi nostri salvando banche truffaldine e amici imprenditori dimenticando che noi cittadini abbiamo bisogno di strade sicure, di trasporti decenti, di smaltimento di rifiuti adeguati, di giustizia sociale, di diritti (non di perbenismo), di modernità e sviluppo, mi viene da dire che ora stanno facendo veramente schifo. A Mesagne (e non solo a Mesagne) con la stazione chiusa e abbandonata da anni, il problema dei passaggi a livello è risaputo perché fuori norma e poco sicuri. Ma se non mettono i soldi (i nostri soldi, non le chiacchiere) la vedo difficile”.


© RIPRODUZIONE ANCHE PARZIALE RISERVATA - Borderline24 Il giornale - Ti invitiamo a usare i bottoni di condivisione e a non copiare l'articolo.

ConfagricolturaBari
CattolicaBari

LASCIA UN COMMENTO:

Scrivi il tuo commento
Il tuo nome qui