Cabtutela.it

“Il Piano di riordino ospedaliero redatto dalla Regione Puglia risponde più a logiche ragionieristiche che al vero fabbisogno sanitario dei cittadini. Rispettando sia il decreto Ministeriale n.70, sia la Legge di Stabilità si possono portare correttivi significativi e migliorare la sanità in Puglia”: questo il senso della nota del gruppo regionale dei Conservatori e Riformisti (rappresentato dai consiglieri Ignazio Zullo, Luigi Manca, Renato Perrini e Francesco Ventola), insieme ad una delegazione dei parlamentari del partito (il senatore Luigi D’Ambrosio Lettieri e il deputato Benedetto Fucci) fatta pervenire al ministro della Sanità, Beatrice Lorenzin.\r\n\r\n”Abbiamo riscontrato un grande interesse e un grande ascolto da parte del ministro – si spiega in una nota dei Conservatori e Riformisti – ascolto e interazione negati a Bari. Molte criticità segnalate sono state gia’ apprezzate dal ministero e, per quanto appreso, già recepite in una modifica del piano intervenuta nell’ambito dei confronti ministero-regione di questi mesi, modifiche di cui il Consiglio e la collettività pugliese non sono a conoscenza, alla faccia della partecipazione che Emiliano sbandiera ai quattro venti”.\r\n\r\n”Al ministro Lorenzin – concludono i consiglieri e i parlamentari dei conservatori – abbiamo consegnato il dossier contenente la dimostrazione delle criticità segnalate e ha assicurato ogni intervento affinché la Puglia possa finalmente dotarsi di una pianificazione sanitaria efficiente e realmente rispondente alle necessita’ di salute dei pugliesi”.


© RIPRODUZIONE ANCHE PARZIALE RISERVATA - Borderline24 Il giornale - Ti invitiamo a usare i bottoni di condivisione e a non copiare l'articolo.

ConfagricolturaBari
CattolicaBari

LASCIA UN COMMENTO:

Scrivi il tuo commento
Il tuo nome qui