Cabtutela.it
acipocket.it

Slitta ai primi mesi del prossimo anno l’avvio del porta a porta a Santo Spirito, Palese, Marconi, San Girolamo e Fesca. Ieri la giunta ha dato mandato all’Amiu di acquistare le attrezzature necessarie per il progetto che in questa prima fase interesserà 50mila persone con 18.529 famiglie e 1.417 attività commerciali, ad un costo complessivo di un milione e 291mila euro.

\r\n

Come funzionerà il porta a porta

\r\n

In totale saranno acquistati circa 100mila bidoncini, di colore diverso a seconda del rifiuto da differenziare, 3 milioni di buste per l’organico, un milione per plastica e alluminio.

\r\n\r\n

Nei condomini con meno di otto famiglie saranno consegnati bidoncini per la carta, il vetro, l’organico, l’indifferenziato e i rifiuti sanitari (i pannolini ad esempio). Per la plastica ci saranno sempre le buste gialle. Per i condomini più grandi ci saranno i bidoni che saranno sistemati negli spazi interni comuni, anche se comunque le famiglie avranno la dotazione con i contenitori più piccoli.  I bidoncini saranno contrassegnati da tag e codici a barre per verificare il corretto conferimento da parte delle famiglie e prevedere eventuali premialità.

\r\n

La carta e la plastica si potranno conferire una volta alla settimana, il vetro una volta ogni due settimane, l’organico tre volte, l’indifferenziato due volte, quattro volte i rifiuti sanitari.

\r\n

L’intera fase di implementazione del nuovo servizio sarà supportata da Conai, che affiancherà i tecnici del Comune e del gestore del servizio nelle fasi di start up sino all’applicazione del piano a tutta la città. Entro l’anno il Comune avvierà anche le selezioni tra gli studenti universitari che avranno il ruolo di “facilitatori”: gireranno tra i quartieri per sensibilizzare i residenti alla raccolta differenziata.

\r\n

I tempi

\r\n

Salvo ricorsi, la gara per l’acquisto del materiale dovrebbe concludersi entro poche settimane. Ma quasi sicuramente il Comune non riuscirà a fare partire il piano per la fine dell’anno. Probabilmente slitterà ai primi mesi del  2017. “Utilizzeremo questo tempo – spiega l’assessore all’Ambiente, Pietro Petruzzelli – per una forte campagna di sensibilizzazione nelle zone che saranno interessate dal progetto. Nello studio del Conai si individua la zona 1 (Santo Spirito, Palese, Macchie, Marconi, San Girolamo, Fesca) come quella di start up in quanto maggiormente vocata al porta a porta. Qui dobbiamo partire con urgenza anche per raggiungere, nel 2017, i valori target che verranno fissati dalla Regione Puglia per usufruire della riduzione dell’aliquota dell’ecotassa”.

\r\n

Il rebus dei lavori del waterfront

\r\n

C’è anche da risolvere il problema dei lavori del waterfront. Con la chiusura del lungomare di San Girolamo e l’impossibilità per i mezzi dell’Amiu di percorrerlo, bisognerà individuare un’alternativa per il ritiro dei rifiuti. Almeno momentaneamente, in attesa della conclusione dei lavori.

\r\n

La città divisa in otto aree

\r\n\r\n

Il piano complessivo prevede la suddivisione dell’intero territorio comunale in 8 aree omogenee. Dopo Palese e San Girolamo toccherà a Stanic e San Paolo, per seguire poi con Bari Vecchia, con Japigia insieme a San Giorgio e Torre a Mare, con le ex frazioni di Carbonara, Ceglie e Loseto, ed ancora con San Pasquale, Carrassi, Picone e Poggiofranco (questa zona sarà divisa in due parti) ed infine Murat, Madonnella e Libertà.

© RIPRODUZIONE ANCHE PARZIALE RISERVATA - Borderline24 Il giornale - Ti invitiamo a usare i bottoni di condivisione e a non copiare l'articolo.

ConfagricolturaBari
CattolicaBari

LASCIA UN COMMENTO:

Scrivi il tuo commento
Il tuo nome qui