Cabtutela.it
acipocket.it
agricoladiniso.it

Sono tanti i punti che il pm Chiara Giordano vuole chiarire sulla morte della 17enne Jasmine Giordano, deceduta lo scorso 30 ottobre dopo un incidente in moto avvenuta sullo statale 16 mentre andava a festeggiare il suo compleanno con alcuni amici.\r\n\r\nIl magistrato ha disposto l’autopsia e ha iscritto nel registro degli indagati tre persone con l’accusa di omicidio stradale. Sulla base degli accertamenti svolti dalla polizia stradale, sono stati indagati il 22enne che era alla guida della moto sulla quale viaggiava anche la vittima, il conducente 24enne di un’altra moto che avrebbe affiancato la prima all’altezza dello svincolo per San Giorgio, e un altro 22enne che guidava l’auto sopraggiunta subito dopo l’incidente e che potrebbe aver accidentalmente travolto la ragazza dopo la caduta.\r\n\r\nLa dinamica di quello che è accaduto domenica sera non è ancora chiara, ma stando ad una prima ricostruzione degli inquirenti la moto sulla quale si trovava la 17enne sarebbe stata affiancata dalla moto di un altro amico. Il ragazzo alla guida del secondo mezzo avrebbe salutato Jasmine, probabilmente stringendole la mano, un gesto che potrebbe aver causato la caduta della 17enne e anche quella del conducente della seconda moto. Il 22enne che guidava la motocicletta con a bordo Jasmine si sarebbe fermato pochi metri più avanti dopo essersi accorto che la ragazza era caduta. A quel punto sarebbe sopraggiunta l’auto, guidata da un altro amico. Ciò che le indagini dovranno accertare è se la macchina abbia travolto la 17enne ormai a terra. Una ricostruzione che è allo stato soltanto una ipotesi. A questo scopo, oltre agli accertamenti medico-legali sul corpo della vittima, venerdì prossimo la Procura affiderà una consulenza tecnica per i rilievi sui tre mezzi sotto sequestro.


© RIPRODUZIONE ANCHE PARZIALE RISERVATA - Borderline24 Il giornale - Ti invitiamo a usare i bottoni di condivisione e a non copiare l'articolo.

ConfagricolturaBari
CattolicaBari

LASCIA UN COMMENTO:

Scrivi il tuo commento
Il tuo nome qui