Cabtutela.it
acipocket.it

Operai, cuochi e meccanici. Sono questi i diplomati pugliesi che hanno più facilità a trovare un impiego. Ma che allo stesso tempo si scontrano con le richieste di una maggiore competenza da parte delle imprese del territorio. È quanto risulta da uno studio dell’osservatorio regionale presentato oggi in giunta.

\r\n

Identikit delle imprese che assumono

\r\n

Il 38,8 per cento delle imprese pugliesi che assumono si occupa di industria, il 34 per cento di servizi. Il diploma è maggiormente richiesto nelle industrie tessili e dell’abbigliamento, nelle industrie elettriche ed elettroniche e nelle public utilities. Per ciò che concerne i servizi invece i settori in cui le imprese prevedono assunzioni per una maggior quota di diplomati sono le imprese operanti nel commercio (41,5%), nell’informatica e nelle telecomunicazioni (63,9), nei servizi finanziari e assicurativi, nei media e comunicazione e negli studi professionali.

\r\n

Previsioni di assunzione

\r\n

Ad aprire le porte di una probabile assunzione è il diploma in ambito amministrativo commerciale, nell’ambito meccanico, edile ed elettrotecnico. Osservando le medie 2011-2015; 2013-2015, non si registrano particolari variazioni se non una crescita di previsioni di assunzione nel settore edile e una diminuzione nel 2013-2015 del settore informatico. Nell’ordine i settori che registrano livelli più elevati di previsioni occupazionali sono: amministrativo commerciale, meccanico, turistico alberghiero, elettrotecnico ed edile.

\r\n

La difficoltà di trovare candidati

\r\n

Ma in Puglia si presenta però un problema: la difficoltà di fare incrociare la domanda con l’offerta. Il 30 per cento delle aziende metalmeccaniche non riesce a trovare giovani lavoratori a causa della scarsa preparazione dei candidati. Stessa situazione per il 25 per cento delle industrie del legno, 16 per cento per le elettriche ed elettrotecniche, 16 per cento trasporti e logistica e per informatica e telecomunicazioni.

\r\n

Il 64% delle assunzioni programmate in Puglia è concentrato su sei figure: la prima tra queste è relativa alle professioni qualificate nelle attività ricettive e della ristorazione, in cui si riscontra ancora, seppur minima, difficoltà di reperimento del 4,6 per cento.  Si evidenzia un’elevata difficoltà di reperimento di professioni qualificate nelle attività commerciali (9,1%, 3750 unità), e per i conduttori di veicoli, di macchinari mobili e di sollevamento.

\r\n

Le scelte degli studenti

\r\n

Al primo posto tra le scelte dei ragazzi che terminano il percorso delle medie per iscriversi alle superiori, spicca lo Scientifico, anche se si registra comunque un calo: si passa da 9.243 nelle prime classi nel 2010-11 fino a 6.572 nel 2015-16. La perdita di attrattività del percorso viene controbilanciata da un maggiore interesse dei nuovi iscritti verso l’opzione Scienze applicate, in cui il “latino” viene sostituito “dall’informatica” e da un potenziamento della materia “scienze naturali”.  Il Classico, così come quello delle Scienze Umane, registra nel periodo considerato, un minor numero di frequentanti le prime classi.

\r\n

Maggiore attrattività per i Linguistici, per i tecnici (indirizzo Amministrazione, finanza e marketing), per i settori Informatica e  Telecomunicazioni, il cui numero di studenti al primo anno di corso è passato da 1.760 nel 2010-11 a 2.253 nel 2015-16. Ed ancora interesse per gli indirizzi di Chimica, Materiali e Biotecnologie, per i quali si è assistito ad un raddoppio del numero di frequentanti la stessa classe nel periodo considerato (da 787 nel 2010-11 a 1.311 nel 2015-16).

\r\n

Tra gli indirizzi proposti nei percorsi professionali quello dei Servizi per l’Enogastronomia e Ospitalità Alberghiera risulta essere anche nel 2015-16 il più frequentato dagli studenti al primo anno. Aumenta l’attrattività dell’indirizzo Ottico ed Odontotecnico per il quale, anche se con valori assoluti molto contenuti, nel corso del periodo è raddoppiato il numero di frequentanti, anche grazie all’autorizzazione ad attivare l’offerta formativa in alcuni istituti professionali.


© RIPRODUZIONE ANCHE PARZIALE RISERVATA - Borderline24 Il giornale - Ti invitiamo a usare i bottoni di condivisione e a non copiare l'articolo.

ConfagricolturaBari
CattolicaBari

1 COMMENTO

  1. Si,facciamo come l Enel che assume elettrotecnici facendogli fare dei test sulla meccanica, nn sono i ragazzi scarsi, ma sono queste persone che in sede di colloquio ti chiedono pure quando è stata creato la luna. Ma finiamola, ci siamo Diplomati e basta.

LASCIA UN COMMENTO:

Scrivi il tuo commento
Il tuo nome qui