Cabtutela.it
acipocket.it
aqp.it

I migliori studenti universitari baresi da che istituti provengono? Dal liceo classico Flacco e dal liceo scientifico Scacchi, almeno a giudicare dalla media dei voti nei rispettivi settori. A rivelarlo è la ricerca “Eduscopio” della fondazione Giovanni Agnelli, che incrocia i dati degli istituti italiani in cui almeno uno studente su tre decide di proseguire il percorso di studi dopo essersi diplomato. Il tutto per sette diversi indirizzi: classico, scientifico, scienze umanistiche, economico, tecnologico, artistico e linguistico.

\r\nFlacco e Scacchi primi tra i licei baresi\r\n\r\nSebbene non siano stati diffusi i dati pugliesi relativi al mondo del lavoro, è comunque possibile capire come proseguono le carriere universitarie degli studenti dei vari licei. L’istituto migliore tra quelli pugliesi è il liceo classico Flacco, con il 27,07 di media per i voti degli studenti. Seguono nel settore classico Socrate (26,91), Margherita (26,27) e Cirillo (24,83). Alta per il Flacco anche la media di crediti ottenuti da ciascun studente: 72, 97. Un risultato figlio “non solo della storia dell’istituto – spiega la preside Anna Ruggiero -, ma anche dei percorsi formativi e agli incontri di preparazione all’università che abbiamo creato, così da permettere ai ragazzi di scegliere con tranquillità come proseguire gli studi”.\r\n\r\nNon sfigura però nel confronto lo Scacchi, piazzatosi primo tra i sette licei scientifici a Bari e capace in due anni di scalzare l’istituto Fermi. Qui la media voti è più bassa rispetto al Flacco (26.83), ma cresce il numero di crediti ottenuti dagli studenti (75,01). Il motivo? Per il preside Giovanni Magistrale è la maggiore difficoltà delle facoltà scelte dai suoi studenti rispetto a quelle dei ragazzi dei licei umanistici. “Da noi – spiega – il 90 per cento dei diplomati prosegue poi nel percorso di studi. I ragazzi si immatricolano però a facoltà molto difficili, come ingegneria. E questo non è un aspetto da sottovalutare quando si leggono i dati relativi a media voto e crediti ottenuti”. Nella classifica dei licei scientifici si piazzano poi nell’ordine Cirillo, Salvemini, Cartesio, Margherita Hack e Volta.\r\n\r\nGli altri indirizzi\r\n\r\nPer quanto riguarda l’indirizzo scienze umanistiche (ex socio – psico pedagogico) in vetta alla classifica non troviamo un istituto barese, bensì il Da Vinci – Majorana di Mola. Il liceo Bianchi Dottula si piazza secondo, con 23,99 di media voto degli studenti e 45,72 crediti ottenuti. Per l’indirizzo linguistico invece sono tre i licei presenti nel database: il Romanazzi – che si posiziona primo -, il Marco Polo – secondo – e il Giulio Cesare, che ottiene la quarta posizione subito dopo il Cartesio di Triggiano.\r\n\r\nPassando agli indirizzi tecnici, è sempre il Romanazzi a dominare la classifica in ambito economico, seguito dai due istituti baresi Giulio Cesare e Marco Polo. Se si guarda invece al settore tecnologico il podio va all’istituto professionale Panetti – Pitagora dove la media tra i voti e i crediti ottenuti all’università dagli studenti permette di scalzare l’Elena di Savoia, unico altro istituto barese presente nella lista. Mancano invece per la provincia di Bari i dati sui licei artistici. Il motivo lo spiega il sito: “Per i diplomati dei licei artistici – si legge – disponiamo solo i dati dei percorsi universitari e non quelli delle Accademie delle Belle arti”. Il che significa che nessuno studente del De Nittis si iscrive ad Università diverse dall’Accademia.


© RIPRODUZIONE ANCHE PARZIALE RISERVATA - Borderline24 Il giornale - Ti invitiamo a usare i bottoni di condivisione e a non copiare l'articolo.

ConfagricolturaBari
CattolicaBari

LASCIA UN COMMENTO:

Scrivi il tuo commento
Il tuo nome qui