Cabtutela.it

Una donna viene derubata e i medici organizzano una colletta per restituirle il denaro. Una storia a lieto fine quella avvenuta all’ospedale Giovanni XXIII, dove una signora di origini marocchine stava visitando la figlia ricoverata al reparto di cardiologia.\r\n\r\nLa donna aveva lasciato una borsa incustodita, contenente 150 euro, oltre a documenti e foto di famiglia, che è stata prelevata da ignoti. In suo soccorso è però venuto però il personale medico della struttura, che ha donato il proprio denaro alla vittima del furto per risarcirla. A questo gesto di solidarietà si è aggiunto quello degli appartenenti al progetto “Seconda mamma”, creato da Benedetta Maffia e Silvia Russo Frattasi. Alla donna sono stati così donati pannolini, ciucci, biberon e latte, tutto il necessario per prendersi cura della sua piccola. “Noi di ‘Seconda Mamma’ – spiegano – siamo certe che un aiuto concreto ed un sorriso in più possano dare un senso alla giornata di chi soffre, di chi è in difficoltà, di chi attende, di chi non conosce il proprio destino e quello dei propri figli”.


© RIPRODUZIONE ANCHE PARZIALE RISERVATA - Borderline24 Il giornale - Ti invitiamo a usare i bottoni di condivisione e a non copiare l'articolo.

ConfagricolturaBari
CattolicaBari

LASCIA UN COMMENTO:

Scrivi il tuo commento
Il tuo nome qui