“Ma un giorno sotto sale / una sorpresa venne dal mare / dal fondo di uno scoglio / nero di seppia come il petrolio” (Vinicio Capossela, Canzone a Manovella)

\r\n

Parte una canzone dal ritmo cadenzato, una canzone che parla di un capitano che naviga in acque dense, in un mare d’inchiostro spesso e nero e la penna va, disegnando profili mediterranei che si inseguono tra musica, letteratura e cinema. Ritmo lento in fondo al mare – racconto grafico di Valerio Pastore e Isabella Capozzi edito da Hyppostyle – è una ballata del mare salato sull’amore tra un vecchio lupo di mare e una bella sirena dal seno perfetto. Ritmo lento si inserisce nella ricca scia di racconti ispirati dal mare e dai suoi abitanti, debitore in particolare di alcuni di loro, ma elegante e sapiente nel citarli.

\r\n

Il Capitano E La Sirena\r\nCome dichiarato sin dalla copertina, innanzitutto, Ritmo lento è ispirato alla Canzone a Manovella di Vinicio Capossela, i cui tratti – e non solo – sono ripresi dall’autore nella definizione del protagonista. Il nome del bar dove il capitano va a cercare la bella sirena, inoltre, riprende quello di un collaboratore del cantautore, Vincenzo Costantino. in arte Cinaski, co-autore di In clandestinità del 2009.

\r\n

Chiamatemi Ismaele

\r\n

Ogni pagina, ogni vignetta e ogni didascalia hanno il peso di tutta la letteratura del mare, filtrata e personalizzata dall’intervento dei due autori, fruitori voraci e ricercati dei generi più disparati. Nel mondo di Ritmo lento trapela il cuore più profondo della narrativa marinaresca, in cui il protagonista si imbatte, a un certo punto della storia, in una maniera del tutto particolare. Nello stesso oceano si incrociano le vite di Ulisse, del capitano Achab di Melville, del vecchio marinaio di Coleridge e di Jack Dawson: il capitano naviga col peso di questa eredità letteraria, vittima della stessa malia e suddito delle stesse leggi. Tra queste, il canto dolcissimo delle sirene che sin dai tempi più remoti ha condannato i marinai per troppo tempo soli e senza amore. Il capitano si trasforma, dunque, da predatore a preda e scende in un bar sotto il mare, come quello raccontato da Stefano Benni, per consegnarsi totalmente al suo destino.

\r\n

Il Bar CinaskiA dispetto del titolo, Ritmo lento in fondo al mare scorre rapido tra le mani del lettore. Il fascino del tratto di Pastore convince al 100%, sia nell’uso intensamente espressivo delle ombre, sia nella padronanza assoluta delle anatomie umane e animali. La distribuzione delle figure nelle pagine, che travalica spesso e volentieri la canonica vignetta, è libera e fluida e traspone nell’immagine il concetto mutevole e potente dell’acqua, colonna portante – come ormai risulta chiaro – della narrazione. Il silenzio assoluto del mare è reso anche nella scelta di evitare il discorso diretto e di delegare la narrazione alle didascalie, che raccontano con una lirica asciutta ed efficace questa parabola di amore e crudeltà.

\r\n

“Avvicinati dunque, glorioso Odisseo, grande vanto dei Danai, ferma la nave, ascolta la nostra voce. Nessuno è mai passato di qui con la sua nave senza ascoltare il nostro canto dolcissimo: ed è poi ritornato più lieto e più saggio”.(Odissea, libro XII)

© RIPRODUZIONE ANCHE PARZIALE RISERVATA - Borderline24 Il giornale - Ti invitiamo a usare i bottoni di condivisione e a non copiare l'articolo.

LASCIA UN COMMENTO:

Please enter your comment!
Please enter your name here