Cabtutela.it
acipocket.it

Il castello Svevo sarà restituito ai baresi nei primi mesi del 2017 e accoglierà mostre permanenti e non. A maggio prossimo inoltre, accoglierà un evento di grande importanza per la città: il vertice del G7 finanziario. I sette “grandi” del pianeta – quindi – si riuniranno tra le mura del castello angioino ormai ristrutturato. Gli uffici della sovrintendenza infatti sono stati trasferiti altrove e il castello diventerà un polo attrattivo per i baresi e per i turisti.\r\n\r\nQuesta mattina il sindaco Antonio Decaro, accompagnato dal direttore del castello normanno-svevo Fabrizio Vona e dal Sovrintendente Luigi La Rocca, ha effettuato un sopralluogo al castello per verificare lo stato dei lavori delle sale ristrutturate. Pezzi di storia che hanno attraversato secoli e che oggi spiccano nelle sale impreziosite dai fregi recuperate, da vasi intarsiati e da muri dipinti.\r\n\r\n

\r\n\r\n”Queste mura accoglieranno mostre permanenti che raccontano la storia della nostra città – ha dichiarato Antonio Decaro – e mostre di arte contemporanea. Questo è un ulteriore tassello aggiunto e restituito alla memoria cittadina. Il castello Svevo – liberato dagli uffici della sovrintendenza – diventerà il contenitore culturale che merita di essere”.\r\n\r\n \r\n\r\n \r\n\r\n \r\n\r\n 


© RIPRODUZIONE ANCHE PARZIALE RISERVATA - Borderline24 Il giornale - Ti invitiamo a usare i bottoni di condivisione e a non copiare l'articolo.

ConfagricolturaBari
CattolicaBari

LASCIA UN COMMENTO:

Scrivi il tuo commento
Il tuo nome qui