Cabtutela.it
acipocket.it
ferrovieappulolucane.it

Hanno firmato proprio da tutta Italia, da Napoli, da Salerno, da Roma, da Firenze. Sono i 219 Giovani democratici che hanno deciso di sottoscrivere l’appello per le dimissioni del ministro del Lavoro Giuliano Poletti che,  commentando i dati relativi alla fuga dei giovani italiani all’estero, ha dichiarato “Conosco gente che è andata via e che è bene che stia dove è andata, perché sicuramente questo Paese non soffrirà a non averli più fra i piedi”.\r\n\r\nLa missiva dei Giovani democratici\r\n\r\n”Le sue recenti dichiarazioni – si legge in alcuni stralci della lunga lettera – riguardanti una certa categoria di giovani che sarebbe meglio perdere che trovare ci hanno lasciati a dir poco basiti. A nulla sono servite scuse e rettifiche, perché quello che per lei potrà rappresentare un piccolo “inciampo” politico, per la nostra generazione rappresenta invece una dolorosa quotidianità.\r\nSì perché lei è stata, con quelle affermazioni, l’ennesima persona che ha trattato con leggerezza e superficialità la difficile situazione dell’occupazione giovanile in questo paese.\r\nQuello che lei ha detto è per noi come sale su una ferita aperta, brucia da impazzire.\r\nNon siamo così ingenui da credere che qualcuno possa, con un colpo di spugna, cancellare questi problemi, ma non siamo nemmeno così stupidi da non capire che meriteremmo, non solo ascolto, ma innanzitutto rispetto. Un rispetto che va oltre una serie di scuse formali, di circostanza, di falso imbarazzo. Un rispetto – concludono – che sarebbe adeguatamente rappresentato dalla capacità di capire quando è proprio il caso di farsi da parte”.\r\n\r\nSotto ci sono 219 firme. Nessun giovane democratico barese ha deciso di sottoscrivere questo appello. Dalla Puglia solo un brindisino.\r\n\r\nDecaro: “No alle dimissioni di Poletti. Ma si preoccupi del Sud”\r\n\r\nE la linea barese viene spiegata ancora una volta dal sindaco Antonio Decaro, renziano. Questa mattina, intervenendo in diretta su Radionorba, ha detto, in merito a Poletti: “Non deve dimettersi ma deve occuparsi di più della disoccupazione al Sud, che è una delle ragioni del voto contrario dei giovani al referendum”.


© RIPRODUZIONE ANCHE PARZIALE RISERVATA - Borderline24 Il giornale - Ti invitiamo a usare i bottoni di condivisione e a non copiare l'articolo.

ConfagricolturaBari
CattolicaBari

LASCIA UN COMMENTO:

Scrivi il tuo commento
Il tuo nome qui