Il gup del Tribunale di Bari Rosa Anna De Palo ha condannato a 6 anni e 3 mesi di reclusione il 68enne di Gioia del Colle Pietro De Mattia, reo confesso dell’omicidio volontario della moglie, la 55enne Antonio Cirasola, uccisa a martellate nella loro casa il 15 febbraio 2015. Il pm che ha coordinato le indagini, Angela Maria Morea, aveva chiesto la condanna a 14 anni.

Il giudice, accogliendo le tesi della difesa, ha riconosciuto all’imputato le attenuanti generiche e della provocazione prevalenti applicando alla pena inflitta una doppia riduzione, per il rito abbreviato e per le attenuanti concesse. Le motivazioni della sentenza saranno depositate entro 90 giorni. Stando alle indagini dei Carabinieri, coordinate dalla magistratura barese, l’uomo avrebbe lanciato contro la moglie, colpendola alla testa e uccidendola, una busta che non sapeva contenesse un martello, durante l’ennesimo litigio.

Fu lui stesso a chiamare i soccorsi e a confessare di aver ucciso la moglie. In sede di convalida dell’arresto gli furono subito concessi gli arresti domiciliari, ai quali è tuttora sottoposto.

© RIPRODUZIONE ANCHE PARZIALE RISERVATA - Borderline24 Il giornale - Ti invitiamo a usare i bottoni di condivisione e a non copiare l'articolo.
sfiziesapori.it

LASCIA UN COMMENTO:

Please enter your comment!
Please enter your name here