Cabtutela.it
acipocket.it

Si conclude con l’incontro con l’economista francese Philippe Aghion “Uniba for G7 2017”, la tre giorni che l’università “Aldo Moro” di Bari ha dedicato al vertice internazionale della finanza. Docente all’università di Harvard e consigliere economico del presidente francese Emmanuel Macron, Aghion è stato l’ospite d’onore del seminario in lingua inglese dal titolo “Innovation as a catalyst for growth in underdeveloped areas”, che ha avuto luogo nel primo pomeriggio nel Salone degli Affreschi.
Dopo la presentazione del rettore dell’università di Bari Antonio Uricchio, il professor Vito Somma ha ripercorso le tappe della formazione di Aghion e del suo contributo alla teoria economica moderna. La parola è poi andata al professor Aghion, che ha esposto le sue teorie coinvolgendo con la sua loquacità la platea di studenti.
Partendo dalla teoria della crescita di Schumpeter, Aghion ha teorizzato l’importanza della competizione per il progresso. Che non è estraneo a fattori come la corruzione e la solidità dei sistemi finanziario, sanitario e scolastico, se adeguatamente supportati da una politica di riforme intelligenti. L’unica strada possibile per guardare sotto una luce positiva mobilità e competitività, fattori chiave per la crescita.


© RIPRODUZIONE ANCHE PARZIALE RISERVATA - Borderline24 Il giornale - Ti invitiamo a usare i bottoni di condivisione e a non copiare l'articolo.

ConfagricolturaBari
CattolicaBari

LASCIA UN COMMENTO:

Scrivi il tuo commento
Il tuo nome qui