Cabtutela.it
acipocket.it

“Il mondo è un libro e coloro che non viaggiano ne leggono solo una pagina” dice un noto aforisma. Schiavi del lavoro, degli impegni, i meno privilegiati vivono una comfort zone sempre più intensa da cui è difficile fuggire e preservano la curiosità attraverso i social media, riviste e format televisivi. Capita sempre più spesso di individuare una meta attratti da foto e video di località incantevoli, di hotel lussuosi, di Spa rilassanti e di immergersi virtualmente. In un secondo momento si passa alla prenotazione del soggiorno con App e siti sempre più immediati oppure, si studia e si scopre una zona del mondo senza mai visitarla e ci si sente, in parte, gratificati.

Un turista però resta colui che, anche solo per una notte, rompe la monotonia e si reca materialmente in una location diversa dalla sua abituale, per lavoro o per piacere.

Eppure, negli ultimi anni, anche questa definizione appare riduttiva. Il concetto di viaggio, business e leisure che sia, è infatti accostato sempre più ai 5 sensi e alla personalizzazione di un luogo. È nato infatti il trend del Turismo e Marketing sensoriale ed esperienziale.

Immergersi nei cibi, nelle tradizioni, nei colori e negli odori mai conosciuti prima è la nuova essenza del viaggio. Vivere un’esperienza autentica, unica, memorabile è il nuovo obiettivo di moltissimi giramondo.

Il settore turistico si sta rinnovando, fornendo assieme ai servizi come trasporti, hotel, bed and breakfast, altri correlati, prima meno considerati, come eventi, percorsi enogastronomici e ogni cosa possa essere vissuta da un ospite come intima e irripetibile. Le stesse strutture ricettive provvedono sempre più a fornire al cliente un ambiente più accogliente, più attento alle sue esigenze e richieste. L’offerta della qualità aziendale si sta affiancando al concetto di qualità emozionale.

La Puglia può dirsi una delle mete più gettonate dal turista alla ricerca di un percorso esperienziale e sensoriale e vedremo come sta sviluppandosi offrendo, oltre alle sue bellezze intrinseche naturali, artistiche, architettoniche, rinnovate strutture come spiagge, ristoranti e molteplici iniziative.

Ma il turismo sensoriale può essere anche luxury? O si riferisce ad una fascia low- cost?

In molti scambiano il turismo sensoriale per una tipologia che si contrappone al turismo di lusso. Assolutamente no, motivo per cui una struttura ormai nota e frequentata da turisti di fascia altissima come Borgo Egnazia, fornisce ai suoi clienti la combinazione perfetta delle precedentemente citate qualità aziendale e esperienziale.

L’hotel, progettato come un vero e proprio borgo in stile rustico pugliese, offre non solo camere ma anche villette indipendenti, servizi di ogni tipo come escursioni, una scuola di cucina tradizionale gestita da Mimina, la “massaia” del borgo, organizzazione di eventi serali e sportivi. Il cliente è così non solo soddisfatto del luogo in sé, ma di quello che ha provato, soggiornandovi.


© RIPRODUZIONE ANCHE PARZIALE RISERVATA - Borderline24 Il giornale - Ti invitiamo a usare i bottoni di condivisione e a non copiare l'articolo.

ConfagricolturaBari
CattolicaBari

1 COMMENTO

LASCIA UN COMMENTO:

Scrivi il tuo commento
Il tuo nome qui