La svolta è arrivata oggi pomeriggio, dalla Spagna. L’Acquarius, la nave con 629 migranti a bordo (tra cui minori, bambini e donne incinte) respinti dai porti italiani e in navigazione nel canale di Sicilia, sarà accolta a Valencia. Lo ha annunciato il primo ministro socialista Pedro Sanchez. “E’ nostro obbligo aiutare ad evitare una catastrofe umanitaria e offrire un porto sicuro a queste persone”, ha detto il premier Sanchez.

Una decisione che arriva dopo il pressing di Onu e Ue affinché le ragioni umanitarie prevalessero sulle tattiche politiche e la nave fosse fatta attraccare “subito”. Non in Italia, per la soddisfazione del ministro dell’Interno, Matteo Salvini: “Evidentemente alzare la voce, cosa che Italia non faceva da anni, paga”, ha detto il leader della Lega.

Un’idea che ha però infervorato il dibattito fra quanti hanno compreso e giustificato l’approccio politico e quanti invece si sono posizioati sul “restiamo umani” trovando la vita di 629 persone più importante di una presa di posizione contro l’Europa, da affrontare in altri modi e tempi.

Bari ha detto “no” al razzismo nel presidio “A Bari, #PortiAperti, Nessuno è Straniero” appena iniziato al Molo San Nicola, contro la decisione di chiudere i porti ritenuta “brutale e fascista”. “Non si può giocare con più di 600 vite in mare per pura e becera propaganda. Quella nave deve attraccare nel nostro Paese, nei nostri porti. Siamo la terra dell’accoglienza – hanno scritto gli organizzatori sulla pagina Facebook dell’evento – la vita umana senza distinzione di colore di pelle ha un valore assoluto”. Un concetto caro alle oltre duecento persone che dalle 19 hanno iniziato a gremire l’area del Molo, scandendo a chiare lettere la propria apertura all’altro, che né a Bari, né altrove deve essere considerato uno straniero.

Gli organizzatori di Zona franka – rete della conoscenza hanno invitato le massime autorità cittadine, in primis il sindaco Antonio Decaro, le associazioni, i sindacati e i partiti a partecipare al presidio. Presenti sin dall’inizio esponenti del Pd e di Sinistra Italiana, l’assessore comunale Francesca Bottalico, la presidente del Municipio I Micaela Paparella, i sindacati (fra Cgil Bari), le associazioni Libera, Arci, Anpi, che oggi hanno ribadito – con Azione cattolica italiana, Legambiente e Rete della Conoscenza – l’iniquità della decisione di chiudere i porti italiani e sollecitato la riapertura e l’accoglienza di vite umane che fuggono da conflitti e disperazione.

aqpfacile.it
progettoimmobiliaresrl.com
© RIPRODUZIONE ANCHE PARZIALE RISERVATA - Borderline24 Il giornale - Ti invitiamo a usare i bottoni di condivisione e a non copiare l'articolo.
SEI UN UTENTE PROFESSIONAL?
SCOPRI LE OFFERTE VODAFONE SU MISURA PER TE
La compilazione del form autorizza il trattamento dei dati inseriti per finalità di contatto commerciale (Regolamento (UE) 2016/679)
TEL. P.I.

caricamento...

LASCIA UN COMMENTO:

Please enter your comment!
Please enter your name here