Cabtutela.it
acipocket.it

Aveva reclutato 32 braccianti, in prevalenza pakistani, per la raccolta di pomodori in un’azienda agricola a Monteroni. Li costringeva con minacce e violenze fisiche a lavorare per oltre dieci ore al giorno con una breve sosta per il pranzo, composto solo da legumi e pane, a fronte di un paga che variava da un euro ad un massimo di tre euro l’ora. Per questo la polizia di Lecce ha arrestato un 36enne pakistano per intermediazione illecita e sfruttamento del lavoro, con l’aggravante di aver commesso i fatti con violenza e minacce.

Come riporta l’Ansa, le indagini che hanno portato all’arresto del presunto caporale sono state avviate dopo alcune denunce presentate da giovani immigrati. Secondo quanto accertato dagli investigatori, i braccianti al lavoro nell’azienda agricola, alcuni dei quali irregolari, vivevano in pessime condizioni igieniche e dormivano su giacigli di fortuna nello stesso casolare in cui lavoravano.


© RIPRODUZIONE ANCHE PARZIALE RISERVATA - Borderline24 Il giornale - Ti invitiamo a usare i bottoni di condivisione e a non copiare l'articolo.

ConfagricolturaBari
CattolicaBari

LASCIA UN COMMENTO:

Scrivi il tuo commento
Il tuo nome qui