Via libera alla vendita di farmaci e prodotti da banco di notte, senza necessità di esibire ricetta medica, anche nei piccoli comuni della Puglia. Da oggi in poi la fruizione del servizio farmaceutico notturno si uniforma: in vigore le stesse regole anche per gli utenti dei comuni sotto i quarantamila abitanti. Lo comunica Francesca Franzoso, consigliere regionale di Forza Italia, autore dell’emendamento, divenuto legge nella Finanziaria regionale, sul servizio notturno farmaceutico.

“Il Consiglio ha modificato, su mia proposta, la legge regionale – 18 febbraio 2014 n.5 – in materia di “Disciplina dei turni e degli orari del servizio farmaceutico territoriale”. Una modifica che abbatte le disuguaglianze tra cittadini di piccoli e grandi comuni.  Il testo, così come modificato, unifica la modalità di utilizzo del servizio “a chiamata” anche per i farmaci che, per legge, non prevedono l’obbligo di ricetta. Fino a ieri – continua la nota della Franzoso –  infatti, in Puglia i cittadini dei comuni al di sotto dei quarantamila abitanti per avere un farmaco da banco – come una comune tachipirina – di notte dovevano esibire una ricetta urgente della guardia medica. Al contrario, nelle grandi città, l’erogazione del farmaco era ed è garantita normalmente, come di giorno, senza alcun obbligo di prescrizione”.

© RIPRODUZIONE ANCHE PARZIALE RISERVATA - Borderline24 Il giornale - Ti invitiamo a usare i bottoni di condivisione e a non copiare l'articolo.
caricamento...

LASCIA UN COMMENTO:

Please enter your comment!
Please enter your name here