In aumento i prezzi dei carburanti. Dopo l’inasprimento delle sanzioni Usa all’Iran e le tensioni in Libia, le quotazioni del greggio e quindi dei prodotti petroliferi sono in rialzo. E sulle autostrade i prezzi arrivano anche a superare i 2 euro al litro per la benzina: sull’A1 Milano-Napoli, è il caso dei 2,041 euro al litro segnalati nell’area Lucignano est (Arezzo) al servito; 2,051 euro al litro ad Arno ovest (Firenze); 2,071 a San Pietro (Napoli); 2,020 San Zenone est (Milano), come emerge dall’Osservatorio carburanti del Mise.

A segnalare gli aumenti anche il Quotidiano energia. Eni, Ip e Italiana Petroli hanno rialzato di 1 centesimo entrambi i carburanti. Sul territorio si estende di conseguenza l’andamento in salita dei prezzi praticati, che sulle autostrade possono anche superare in qualche caso i 2 euro al litro. In particolare, in base all’elaborazione di Quotidiano energia dei dati comunicati dai gestori all’Osservaprezzi carburanti del Mise, il prezzo medio nazionale praticato in modalità self della benzina è pari a 1,618 euro al litro, con i diversi marchi che vanno da 1,618 a 1,633 euro al litro (no-logo a 1,598). Il prezzo medio praticato del diesel è a 1,508 euro al litro, con le compagnie che passano da 1,509 a 1,518 euro al litro (no-logo a 1,486). Quanto al servito, per la verde il prezzo medio praticato è di 1,750 euro al litro, con gli impianti colorati che vanno da 1,721 a 1,820 euro al litro (no-logo a 1,643), mentre per il diesel la media è a 1,643 euro al litro, con i punti vendita delle compagnie tra 1,628 a 1,725 euro al litro (no-logo a 1,531). Il Gpl, infine, va da 0,637 a 0,663 euro al litro (no-logo a 0,632).

“Prosegue la corsa dei carburanti – sostiene il Codacons – con le compagnie petrolifere che nelle ultime ore hanno ritoccato al rialzo i listini di benzina e gasolio alla pompa, aggravando la spesa per i rifornimenti a carico di chi si sposterà in auto nei prossimi giorni. Un pieno di gasolio costa oggi circa 5,5 euro in più rispetto ad aprile 2018 (+4 euro la benzina) e il rincaro alla pompa raggiunge quota +7% su base annua”, spiega il Codacons, sottolineando che si tratta di “aumenti che rendono sempre più salati i ponti degli italiani del 25 aprile e dell’1 maggio, e che rischiano di determinare speculazioni legate alle vacanze delle famiglie e al maggiore consumo di carburante nelle prossime ore”. (Fonte Ansa)

© RIPRODUZIONE ANCHE PARZIALE RISERVATA - Borderline24 Il giornale - Ti invitiamo a usare i bottoni di condivisione e a non copiare l'articolo.
fieradellevante.it
caricamento...

3 COMMENTI

  1. Notizia allarmistica che non ho riscontrato in nessun distributore. Il 25 aprile i prezzi di benzina e gasolio erano sostanzialmente stabilì rispetto al passato. Non si capisce chi e perché metta in giro certe notizie.

    • È un report effettuato dall’osservatorio carburanti del Ministero. Un report ufficiale. Come potrà leggere nell’articolo i rincari hanno riguardato soprattutto il Centro Nord.

  2. Dopo i pedaggi esosi l’aumento del prezzo della benzina è il nuovo regalo di Autostrade agli automobilisti. Urge riforma del settore.

Rispondi a Franco Cancella il commento

Please enter your comment!
Please enter your name here