Cabtutela.it
acipocket.it
MangAmi

Dopo il trasferimento delle bancarelle da via Nizza a via Amendola, previsto entro il mese di ottobre, resta solo un mercato per le strade della città che sarà spostato a conclusione dei lavori: si tratta di quello di Japigia.

I lavori, dopo una interruzione di qualche mese a causa del ritrovamento di sottoservizi che dovevano quindi essere spostati, procedono celermente. In un primo momento l’apertura era stata annunciata per la fine del 2019 ma a causa dei ritardi e della decisione di aggiungere bagni e altri locali tecnici, il mercato non sarà pronto prima dell’estate.

“Un’opera richiesta da anni – spiega il presidente del municipio Lorenzo Leonetti –  Oggi il sentimento comune non è più la speranza, anzi freme sempre di più l’attesa tra chi, puntualmente, monitora i lavori in cantiere. I lavori sono spediti e, al netto di qualche interruzione per questioni burocratiche, sono ad un ottimo punto: tutta la nuova struttura sarà sistemata in un grande box che pian piano vedrete crescere. La speranza è che questa nuova opera porti decoro, pulizia e civiltà a tutto il quartiere”.

Il progetto

La nuova struttura sorge su un’area rettangolare, estesa circa 9.150 metri quadri e contigua all’attuale mercato su strada, in via Pitagora. Si tratta di un impianto coperto di 4.820 metri quadrati, costituito da 72 box prefabbricati e organizzato su due percorsi paralleli interconnessi, più un terzo scoperto di 1.800 metri quadrati destinato alla vendita degli operatori settimanali ambulanti. I box saranno disposti su quattro file parallele, con quelle centrali addossate tra loro sul lato corto: le dimensioni di ogni singolo box sarà di 30 metri quadrati per un’altezza di 3,20 metri. Il mercato sarà protetto da una sovrastruttura composta da una copertura in lamiera d’alluminio, puntoni in ferro e travi in legno lamellare. L’area a ridosso di via Aristosseno sarà occupata dal blocco servizi composto da bagni, sia per gli operatori sia per i clienti, compresi i cittadini con disabilità, uffici e un grande porticato di accesso. Nell’intersezione tra via Madre Clelia Merloni e via Aristosseno sarà realizzata anche una piccola area a verde, tramite il recupero delle alberature esistenti, che sarà attrezzata con sedute e giochi per bambini. Inoltre, si interverrà sul marciapiede perimetrale lungo via Madre Clelia Merloni e via Peucetia, attraverso la piantumazione di 18 alberi con funzioni di arredo urbano e ombreggiamento della passeggiata pedonale e degli stalli per le auto. Per l’opera, il cui cantiere è stato aperto nel novembre del 2018, sono stati stanziati poco meno di tre milioni di euro.

(foto Leonetti – Facebook)


© RIPRODUZIONE ANCHE PARZIALE RISERVATA - Borderline24 Il giornale - Ti invitiamo a usare i bottoni di condivisione e a non copiare l'articolo.

ConfagricolturaBari
CattolicaBari

LASCIA UN COMMENTO:

Scrivi il tuo commento
Il tuo nome qui