Cabtutela.it

Sono 27 i casi di positività accertata nella struttura sanitaria di riabilitazione per anziani e disabili “Nuova Fenice” di Noicattaro. A comunicarlo, tramite una lunga diretta sulla sua pagina ufficiale Facebook è proprio il sindaco della cittadina della provincia di Bari, Raimondo Innamorato. All’indomani della prima comunicazione da parte della Asl di Bari circa i contagi nella struttura che ospita 106 persone, tra cui 45 disabili e 61 anziani, il primo cittadino precisa i dati chiarendo che, 2 dei pazienti contagiati sono originari di Noicattaro e 3 sono i dipendenti della struttura risultati positivi al test. “Ho sentito telefonicamente queste cinque persone” – ha raccontato il sindaco Innamorato – “insieme, abbiamo ricostruito e isolato la catena dei contatti diretti e indiretti. Relativamente ai dipendenti della struttura, sono particolarmente sereno di poter dire che, trattandosi di personale sanitario, queste persone mettevano già in pratica misure di prevenzione e di protezione degli altri dall’eventuale contagio”. Nel corso della stessa comunicazione, il primo cittadino ha espresso vicinanza e solidarietà per 5 persone in particolare tra i 27 contagiati, che sono attualmente ricoverati in una struttura ospedaliera. Innamorato ha  infine precisato che, a partire dalla giornata di oggi, i tamponi saranno effettuati su tutti i pazienti e gli operatori della struttura.

Altro Comune “caldo” in questa emergenza sanitaria nazionale è certamente il piccolo Comune di Bitritto, dove ieri sera si è registrata la sesta vittima conseguente alla diffusione del virus. “Bitritto è stata inserita, dal Dipartimento della Protezione Civile, tra i Comuni della fascia tra i 20 e i 50 casi di positività, dopo che nelle scorse ore si è raggiunto il numero di 25 contagi sul territorio” – ha commentato il primo cittadino Giuseppe Giulitto, che non ha mancato di congratularsi con tutti i suoi concittadini per l’enorme senso di solidarietà dimostrato in questi giorni. “La Sala Castello del nostro Comune si è trasformata da ieri nella Sala della Solidarietà” – ha commentato Giulitto – “All’interno, generi alimentari e beni di prima necessità sono messi a disposizione per tutte le famiglie meno abbienti, grazie al contributo volontario degli amministratori, delle aziende locali e di privati cittadini, tutti impegnati in una staffetta di solidarietà senza precedenti”.  Il sindaco ha precisato che, in data odierna, sarà approvata la delibera che prevede l’apertura di un nuovo conto comunale dedicato alle donazioni: contributi tracciati, trasparenti e rendicontati, che aziende e privati potranno donare ad un apposito Iban gestito dal dipartimento dei Servizi Sociali del Comune. Alla stessa amministrazione sono arrivati dallo Stato 84mila euro da utilizzare  in buoni spesa per i cittadini e le famiglie in difficoltà.

Un dato similare rispetto al numero dei contagi è quello che giunge dal Comune di Putignano, dove il sindaco, Luciana Laera, comunica il dato di 24 tamponi positivi all’interno di un centro riabilitativo: tra questi 6 operatori sanitari e 18 pazienti, di cui 10 i residenti nello stesso Comune. Nella sua nota ufficiale, Luciana Laera precisa che la struttura sanitaria ha già avviato, negli scorsi giorni, tutte le procedure utili a sanificare gli ambienti ed effettuare tamponi a tutti i soggetti esposti. Sempre nella provincia di Bari, 7 i casi di positività al Coronavirus registrati nel territorio di Castellana Grotte, secondo quanto comunicato nella serata di ieri dallo stesso sindaco, Francesco De Ruvo.

Secondo decesso, invece, registrato a Castellaneta, da cui giunge la notizia della morte di un 85enne del posto che era stato trasferito da qualche giorno all’ospedale Moscati di Taranto dopo che era risultato positivo al tampone eseguito in seguito ai contagi riscontrati nell’ospedale San Pio. L’uomo era ricoverato da una decina di giorni nel reparto di Medicina del nosocomio nel quale sono risultati positivi alcuni dirigenti medici, tra cui proprio il primario di Medicina. Secondo quanto riferito dal sindaco Giovanni Gugliotti, al momento il numero di casi di positività sul territorio – riconducibili al ceppo del San Pio – sono 28, di cui 22 medici, infermieri e ausiliari in servizio, 3 pazienti, un dipendente del distretto socio-sanitario e 2 operatori sanitari già in malattia. All’interno del Comune, invece, il sindaco riferisce la presenza di 12 casi di positività, di cui 6 di persone che attualmente sono ospedalizzate al Moscati di Taranto.

Intanto, da Copertino, dove negli scorsi giorni il sindaco, Sandrina Schito, aveva comunicato la presenza di 16 casi di positività al virus, giunge la notizia che l’ospedale San Giuseppe da Copertino ha incominciato ad accogliere pazienti con infezione Covid-19 nella fase post acuzie. A darne notizia la Asl di Lecce che, in una nota ufficiale, dichiara completamente sanificato l’intero plesso e informa che tutto il personale sanitario della struttura è stato sottoposto a tampone. l’ospedale ospiterà, dunque, come previsto dalla programmazione regionale, i pazienti che hanno già fatto almeno una  settimana di cura in ospedali provvisti di un reparto di malattie infettive e di rianimazione. Il tutto, spiega la Asl, per migliorare le condizioni generali di salute prima della dimissione definitiva.  “I pazienti saranno costantemente monitorati e rimarranno qui fino alla remissione completa dell’infezione”, ha precisato il direttore generale della struttura, Rodolfo Rollo, che ha espresso grande ammirazione per tutti i medici, gli infermieri, gli operatori socio-sanitari e tutti coloro che hanno affrontato con professionalità una condizione di emergenza inedita.


© RIPRODUZIONE ANCHE PARZIALE RISERVATA - Borderline24 Il giornale - Ti invitiamo a usare i bottoni di condivisione e a non copiare l'articolo.

ConfagricolturaBari
CattolicaBari

LASCIA UN COMMENTO:

Scrivi il tuo commento
Il tuo nome qui