Cabtutela.it

Rientro a casa per una mamma di 33 anni guarita dal coronavirus. Lo scorso 9 aprile, la donna ha partorito il suo quarto figlio nell’ospedale Miulli di Acquaviva delle Fonti (Bari) in uno spazio completamente sicuro per lo svolgimento della procedura chirurgica e perfettamente separato sia dalla “zona verde” (in cui sono presenti le mamme non infette) sia in quella “grigia” (dove avvengono gli accertamenti dei casi sospetti). Erano positivi al Covid-19 anche gli altri tre figli della donna, rispettivamente un bimbo di sei anni e due gemelline di 18 mesi.

Finalmente, dopo quasi un mese, la famiglia si è ritrovata sorridente: “Siamo stretti intorno a Giosuè e ai suoi cari – scrive il governatore Michele Emiliano -. La Puglia intera ha accolto questa nuova vita che è stata per tutti noi anche un segno di speranza. Finalmente, dopo più di un mese, Giosuè e sua madre sono stati dimessi dall’ospedale. Tutta la famiglia ha sconfitto il coronavirus. È una notizia bellissima che ci dà forza in questo momento in cui, lentamente, stiamo ripartendo. Auguri per il futuro e grazie ai medici, agli infermieri e agli operatori sanitari che non si arrendono mai. Grazie al loro instancabile lavoro oggi leggiamo questa storia straordinaria”.


© RIPRODUZIONE ANCHE PARZIALE RISERVATA - Borderline24 Il giornale - Ti invitiamo a usare i bottoni di condivisione e a non copiare l'articolo.

ConfagricolturaBari
CattolicaBari

LASCIA UN COMMENTO:

Scrivi il tuo commento
Il tuo nome qui