lapugliativaccina.regione.puglia.it

Un uomo australiano è soggetto a un divieto di uscita di 8.000 anni e non sarà autorizzato a lasciare Israele fino all’anno 9999 a causa di fatture non pagate per il mantenimento dei figli, riporta NewsAU. Noam Huppert, un cittadino australiano di 44 anni, ha avuto un ordine di “sospensione di uscita” contro di lui dal 2013 e non può revocare l’ordine fino a quando non avrà pagato 3,34 milioni di dollari per il mantenimento dei figli.

“Il totale nell’anno 2013 è stato di circa 7,5 milioni di yen (3,34 milioni di dollari)”, ha detto a NewsAU  il signor Huppert, che lavora come chimico analitico per un’azienda farmaceutica. I tribunali israeliani avevano stabilito che Huppert doveva 5.000 NIS (New Israeli Shekel) al mese per ogni bambino fino al compimento dei 18 anni. “Dal 2013, sono rinchiuso in Israele”, ha spiegato Huppert, aggiungendo che era uno dei tanti cittadini australiani che sono stati “perseguitati dal sistema giudiziario israeliano solo perché sposati con donne israeliane”.

Le leggi relative al mantenimento dei figli non sono chiare, anche se sembra che l’anno 9999 sia stato fissato perché era la data più alta possibile che rientrasse nella dilazione. Le leggi israeliane in materia di divorzio e mantenimento dei figli sono state oggetto di precedenti critiche per essere state vaghe e ingiuste. Il regista Sorin Luca, che sta realizzando un documentario sulle leggi israeliane sul divorzio intitolato “No Exit Order”, afferma che “Una donna può facilmente imporre al padre un divieto di viaggio, con una richiesta di mantenimento dei figli che può estendersi a tutta la durata del infanzia.”

“Una volta che un padre ha l’ordine, può essere imprigionato fino a 21 giorni, indipendentemente dal fatto che abbia la capacità di pagare o meno, senza alcuna indagine sulle sue finanze. Ci si aspetta che gli uomini paghino il 100% o anche di più del loro reddito per pagare i loro figli”, continua Luca. Il Dipartimento di Stato degli Stati Uniti, include un avvertimento sui problemi di mantenimento dei figli in Israele con i non cittadini, affermando che i tribunali civili e religiosi in Israele “esercitano attivamente la loro autorità per impedire a determinati individui, compresi i non residenti, di lasciare il paese fino a debiti o altre rivendicazioni legali contro di loro finché sono risolti”, avvertendo ulteriormente che l’ambasciata degli Stati Uniti “non è in grado di cancellare il debito di un cittadino americano o garantire la sua partenza da Israele quando si trova di fronte a un divieto di lasciare il paese fino alla risoluzione dei debiti”.


© RIPRODUZIONE ANCHE PARZIALE RISERVATA - Borderline24 Il giornale - Ti invitiamo a usare i bottoni di condivisione e a non copiare l'articolo.

ConfagricolturaBari

LASCIA UN COMMENTO:

Scrivi il tuo commento
Il tuo nome qui