lapugliativaccina.regione.puglia.it
dona-il-sangue-regione-puglia-it
acquapertutti-aqp

Sono sbarcati ieri sera al porto di Taranto i 65 migranti che sono stati soccorsi dalla nave di Medici senza frontiere ‘Geo Barents’ dopo il naufragio del gommone a bordo del quale si trovavano lunedì scorso nel Mediterraneo Centrale.

A quanto si apprende “sono molto provati”, i dispersi sarebbero complessivamente 30. Medici senza frontiere riferisce che “alcune donne a bordo ci hanno detto di aver perso i figli in mare”. Una donna 29enne incinta, originaria del Camerun, è morta a bordo poco dopo essere stata soccorsa e il suo corpo è rimasto sulla nave fino a ieri sera. Sei persone erano state precedentemente evacuate, tra cui una mamma e la sua bimba a Malta. Tre dei migranti sbarcati sono stati trasportati con ambulanze della Croce Rossa all’ospedale SS. Annunziata di Taranti e le loro condizioni non sarebbero gravi. La macchina dell’accoglienza è coordinata dalla Prefettura. I migranti adulti sono stati accompagnati all’hotspot per le operazioni di identificazione e smistamento verso altre destinazioni. Alcuni nuclei familiari, con bambini in tenera età, sono stati trasferiti in bus nelle strutture di accoglienza di Bari e Potenza. A quanto si apprende tra i 30 dispersi ci sono cinque donne e otto bambini, tre dei quali sono neonati. Quattro donne hanno perso un bimbo e un’altra donna entrambi i suoi due figli. (Ansa- Foto Anna Pantella MSF)


© RIPRODUZIONE ANCHE PARZIALE RISERVATA - Borderline24 Il giornale - Ti invitiamo a usare i bottoni di condivisione e a non copiare l'articolo.

ConfagricolturaBari

LASCIA UN COMMENTO:

Scrivi il tuo commento
Il tuo nome qui