BARI – E’ tutto nel gesto tecnico del bomber abruzzese Lapadula: tre minuti dopo il novantesimo sbertuccia il portiere del Bari Guarna con un mezzo scavetto, un pallonetto irridente che fissa il 3 a 1 finale. I pugliesi, seppure ben ordinati dal tecnico Camplone, devono archiviare a Pescara – contro una diretta concorrente che porta a sette lunghezze il vantaggio in classifica, blindando il terzo posto – le ambizioni di promozione diretta in serie A.

\r\n

Troppo forte il Pescara? Nel primo tempo senza dubbio sì (c’è il vantaggio di Lapadula per una ingenuità di Donkor che lo tiene in gioco), nella ripresa l’orgoglio e l’esperienza hanno riaperto i giochi, ma solo temporaneamente. Il pari di De Luca è una perla di intelligenza, ma poi Maniero con una ciabattata sul portiere ha vanificato la possibilità di concretizzare il sorpasso. L’uno-due di Caprari e il colpo del ko di Lapadula hanno certificato la maggiore vivacità e concretezza dell’undici di Oddo.

\r\n

Tutto perduto? No. Ci sono i play off e la sfida con il Crotone venerdì sera al San Nicola. Ma la strada per la promozione in serie A è in salita.

\r\n

Da segnalare – infine – i disordini nel settore ospiti occupato dai tifosi del Bari: amaro il bilancio con cinque feriti tra i pugliesi e un agente in ospedale. Arriveranno provvedimenti restrittivi e divieti per le prossime trasferte dei sostenitori biancorossi.

© RIPRODUZIONE ANCHE PARZIALE RISERVATA - Borderline24 Il giornale - Ti invitiamo a usare i bottoni di condivisione e a non copiare l'articolo.