Con una piazza in ebollizione per forte delusione dopo i proclami del presidente Gianluca Paparesta di promozione diretta, e sullo sfondo la sconfitta con l’Entella firmata dall’ex capitano Ciccio Caputo, è intervenuto il ds Razvan Zamfir per pun gelare la traballante panchina del tecnico Andrea Camplone, furioso nel dopopartita ligure.\r\n”La società ha pienamente fiducia nell’operato del nostro allenatore. Camplone non è assolutamente in discussione. Le sue parole al termine della gara devono essere considerate come un modo per spronare l’ambiente, e sopratutto i giocatori, a dare tutti di più”: così Zamfir ha provato a stemperare i toni, confermando l’allenatore abruzzese.

\r\n

Troppi infortuni per Zamfir

\r\n

Il ds si trincera dietro i troppi infortuni: “Senza cercare alibi, però, si sono verificate delle situazioni non imputabili all’allenatore, che hanno portato ad avere fuori molti giocatori importanti a partire da Gentsoglou a Contini e Gemiti, da Maniero a Di Cesare e sabato finanche Puscas, che si era appena sbloccato martedì con la Ternana, oltre ad avere De Luca da un mese che gioca nonostante una fastidiosa pubalgia”.

\r\n

La difesa del mercato (nei fatti inadeguato)

\r\n

Zamfir sul mercato di gennaio (nonostante i risultati fallimentari): “Non è detto che si riesca a trovare quello che uno desidera e poi non credo che questo Bari avesse bisogno di cambiare tutto e di trovare dieci titolari. La squadra era competitiva e si doveva solo completare in alcuni reparti per affrontare le 22 partite rimanenti e i playoff. Non potevamo certo pensare di perdere, per infortunio, una serie di giocatori importanti”, ha concluso il dirigente rumeno.

Bif&st 2019 Bari
© RIPRODUZIONE ANCHE PARZIALE RISERVATA - Borderline24 Il giornale - Ti invitiamo a usare i bottoni di condivisione e a non copiare l'articolo.
caricamento...

LASCIA UN COMMENTO:

Please enter your comment!
Please enter your name here