BARI – Dopo dodici anni il consigliere comunale e regionale del Pd, Marco Lacarra, ex assessore ai Lavori pubblici sotto la giunta guidata dall’ex sindaco Michele Emiliano,  lascia l’aula del consiglio comunale, pronto per il ruolo da segretario regionale del partito. Oggi, durante la seduta convocata per discutere di nove debiti fuori bilancio, Lacarra ha voluto salutare i colleghi, ricordando la sua lunga carriera e due figure importanti per la sua vita che non ci sono più, il suo papà e sua moglie Daniela, scomparsa di recente. “Se io sono qui è perché una persona di forza, mio padre,  decise anche con la mia totale inerzia di candidarmi per la prima volta. E siccome adesso ricorrono i 50 anni da quando entrò in quest’aula, mi piace ricordare che dopo 50 anni esatti, io lascio il testimone a chi è giusto che faccia esperienza in quest’aula come l’abbiamo fatta noi. Vorrei ricordare mia moglie che ha avuto un ruolo importante nella mia vita e nella mia attività politica”.\r\n\r\nAl posto di Lacarra entrerà Giuseppe Muolo.  Pasquale Di Rella, presidente del consiglio comunale, e Marco Bronzini, capogruppo del Pd in consiglio, hanno voluto salutare pubblicamente Lacarra. “Andremo avanti insieme – ha detto Bronzini – immaginando altri successi per la città”. “Lacarra – ha concluso il vicesindaco Vincenzo Brandi – ha lasciato un segno importante nel Comune. Noi siamo cresciuti insieme e ricordo che è sempre stato molto attento a chi era in difficoltà. È stato una guida per tanti ragazzi all’interno della parrocchia del Preziosissimo Sangue ed è una guida adesso dai banchi del consiglio e di altre istituzioni”. Hanno voluto ringraziare Lacarra per il suo impegno politico nell’aula del consiglio comunale anche Giuseppe Carrieri di Impegno civile e Fabio Romito del gruppo misto.\r\n\r\nLacarra è stato designato come candidato unico alla segreteria regionale del Pd.

© RIPRODUZIONE ANCHE PARZIALE RISERVATA - Borderline24 Il giornale - Ti invitiamo a usare i bottoni di condivisione e a non copiare l'articolo.
fieradellevante.it
caricamento...

LASCIA UN COMMENTO:

Please enter your comment!
Please enter your name here