lapugliativaccina.regione.puglia.it
aqp-sa-di-futuro

BARI – La presentazione era stata in grande stile “Siamo di San Pio”. Quasi fosse un marchio di qualità per la più classica delle “messe a posto”. Così i carabinieri hanno arrestato due pregiudicati baresi di 25 e 27 anni vicini al clan Strisciuglio, con l’accusa di tentata estorsione in concorso. Il provvedimento è stato richiesto dalla DDA di Bari ed emesso dal Giudice per le indagini preliminari del Tribunale del capoluogo.\r\n

I fatti sono recentissimi e risalgono al 21 aprile scorso, quando i due chiedono al titolare di una azienda una somma di denaro per “stare tranquillo”. Il gesture riferisce che non ha intenzione di pagare alcuna somma, ricevendo come risposta dai due la minaccia che, visto che non voleva dare i soldi, si sarebbero rivisti.

\r\n

Lo stesso pomeriggio, il titolare riceve una telefonata da parte dei militari che lo invita in caserma. Davanti alle domande dei militari, che già da qualche giorno osservavano i movimenti dei soggetti in questione, ha confermato la richiesta estorsiva. Decisiva per l’identificazione dei due responsabili, anche in questo caso, la presenza di telecamere di video-sorveglianza all’interno dell’azienda.

\r\n

 


© RIPRODUZIONE ANCHE PARZIALE RISERVATA - Borderline24 Il giornale - Ti invitiamo a usare i bottoni di condivisione e a non copiare l'articolo.

ConfagricolturaBari

LASCIA UN COMMENTO:

Scrivi il tuo commento
Il tuo nome qui