Cabtutela.it
acipocket.it

La delibera di indirizzo con la quale il Comune avvia l’avviso pubblico per cercare il soggetto gestore dello stadio San Nicola è pronta e sarà presentata in giunta nei prossimi giorni, per poi approdare in Consiglio. Una delibera che però ha avuto il parere negativo dei revisori dei conti. Che in poche righe evidenziano “la carenza dei seguenti elementi ritenuti necessari per la valutazione e la formulazione: il capitolato speciale relativo agli interventi di manutenzione straordinaria da porre a carico del concessionario per tutta la durata della concessione, il piano economico-finanziario della concessione pluriennale, la disciplina delle modalità di erogazione del servizio da parte del concessionario”. Insomma l’atto, per i revisori, è incompleto.\r\n\r\nL’assessore allo Sport, Pietro Petruzzelli, getta acqua sul fuoco. “Il parere dei revisori non è un freno all’avviso pubblico – spiega – in sostanza quello che ci chiedono sarà presentato insieme all’avviso pubblico e non adesso in una delibera che è solo di indirizzo, con la quale la giunta prima e il Consiglio dopo approveranno le procedure dell’amministrazione: la pubblicazione dell’avviso pubblico per individuare il soggetto gestore che per 5 anni dovrà occuparsi dello stadio, con la clausola che comunque le partite e il campo dovranno essere messi a disposizione del Bari durante il campionato”. Insomma un grattacapo.\r\n\r\nLa storia\r\n\r\nDa due anni lo stadio è stato dato in convenzione alla Fc Bari che lo utilizza gratuitamente, in cambio però si deve occupare della manutenzione ordinaria e straordinaria. In un anno la società ha speso quasi 800mila euro per interventi di ripristino. La convenzione doveva scadere nel giugno scorso, ma è stata prorogata di un anno in attesa della concessione pluriennale dell’intera struttura. Il Comune ha fornito alla Fc Bari un elenco di interventi di manutenzione da effettuare e in funzione di questi si doveva decidere il tempo della concessione. A pochi mesi dalla scadenza (30 giugno), arriva il dietrofront. Il Comune deve procedere con evidenza pubblica: non può affidare lo stadio al Bari senza una gara. E senza un piano economico finanziario. Da qui l’affidamento dell’incarico ad un professionista esterno (che costa poco più di 6mila euro). Nel frattempo il Comune ha concesso un’altra proroga al Bari, in attesa dell’espletamento dell’avviso pubblico. Il campionato al San Nicola è salvo.


© RIPRODUZIONE ANCHE PARZIALE RISERVATA - Borderline24 Il giornale - Ti invitiamo a usare i bottoni di condivisione e a non copiare l'articolo.

ConfagricolturaBari
CattolicaBari

LASCIA UN COMMENTO:

Scrivi il tuo commento
Il tuo nome qui