Cabtutela.it
acipocket.it

 \r\n\r\n“Occupazione e legalità nel settore agricolo pugliese: la filiera virtuosa”, questo il nome del convegno tenutosi questa mattina, lunedì 4 luglio  nella Sala Convegni della Camera di Commercio di Bari, organizzato da Apeo, Associazione Produttori Esportatori Ortofrutticoli. Obiettivo dell’iniziativa creare sinergie tra istituzioni, autorità, sistema produttivo e commerciale per salvaguardare i significativi livelli occupazionali del territorio e delineare percorsi condivisi per rendere ancora più virtuosa la filiera ortofrutticola pugliese, in un contesto socialmente ed economicamente delicato.\r\n\r\nDopo i saluti affidati ad Angela Patrizia Partipilo, Segretario generale della CCIAA di Bari, i lavori sono stati introdotti da Giacomo Suglia Presidente dell’Apeo, l’Associazione che raggruppa circa 100 aziende ortofrutticole tra le più importanti della Puglia. “L’ortofrutta, tra tutte le filiere, è sempre stata tra le  più virtuose e interessanti dal punto di vista occupazionale, in particolar modo in questo periodo in cui l’occupazione rappresenta un problema per molti settori – ha affermato Suglia –  L’agricoltura, anche in tale ottica, ha un’importanza rilevante perché  non produce beni di lusso, ma indispensabili, non solo in termini quantitativi ma anche qualitativi. Risulta dunque necessario essere competitivi sul mercato, salvaguardando la qualità dei nostri prodotti: per questo chiediamo alle istituzioni, alla politica un intervento per cercare di trovare un giusto punto di equilibrio, snellendo la burocrazia nel campo del lavoro, salvaguardando e migliorando le condizioni di lavoro del nostro settore”. \r\n\r\nModernizzazione del settore agricolo pugliese e opportunità offerte dalle risorse del Piano di Sviluppo Rurale, il tema affrontato da Leonardo Di Gioia, Assessore all’Agricoltura della Regione Puglia, che ha presentato i primi bandi del PSR che partiranno già dai prossimi giorni. “Il comparto ortofrutticolo ha grandi margini di miglioramento. Dobbiamo potenziare il sistema della logistica connesso all’ortofrutta il sistema dell’acqua e mettere in atto una strategia commerciale di esportazione che ci consenta di individuare nuovi mercati, oggi preclusi per oggettive difficoltà tecnologiche che ovviamente vanno contrastate con la ricerca”. Ha affermato Di Gioia: “Il nostro ruolo è quello di accompagnare le imprese, soprattutto quelle che perseguono prassi etiche, e raccontare questa Puglia che sempre di più, anche nel modo di produrre è una regione innovativa e affidabile da un punto di vista della qualità anche nella produzione”. \r\n\r\nFare sistema tra le aziende che producono qualità, non solo dei prodotti, ma anche nel rispetto delle norme, quanto dichiarato dall’Assessore alla Formazione e Lavoro della Regione Puglia Sebastiano Leo. “Ormai anche i giovani cercano di investire nell’agricoltura – ha affermato Leo –  perché non solo ci sono margini per l’occupazione, ma c’è un mercato assolutamente in espansione. I nostri prodotti di qualità sono presenti in tutti i  mercati mondiali: dobbiamo approfittarne anche perché il mercato ha degli strumenti tecnologicamente molto avanzati e quindi possiamo esportarli in tutto il mondo”. \r\n\r\nDi rilievo l’apporto del Giuslavorista Francesco Stolfa, con un intervento sul lavoro irregolare, caporalato e politiche ispettive degli enti di vigilanza nel settore agricolo pugliese e di Claudio Mazzini, responsabile commerciale ortofrutta COOP Italia che ha presentato il progetto etico della catena di distribuzione nelle filiere ortofrutticole, che vede la Puglia terza regione dal punto di vista degli approvvigionamenti.


© RIPRODUZIONE ANCHE PARZIALE RISERVATA - Borderline24 Il giornale - Ti invitiamo a usare i bottoni di condivisione e a non copiare l'articolo.

ConfagricolturaBari
CattolicaBari

LASCIA UN COMMENTO:

Scrivi il tuo commento
Il tuo nome qui