Cabtutela.it

Rassicurazioni ai parenti delle vittime, conferma della linearità del lavoro collegiale del pool della Procura di Trani e la comunicazione dell’astensione della pm Simona Merra dall’inchiesta sulla strage dei treni: con una nota il procuratore della Repubblica (facente funzione) presso il Tribunale di Trani, Francesco Giannella ha risposto così alla querelle scaturita dalla diffusione delle foto sui rapporti tra un magistrato impegnato nelle indagini sulla strage della Terrotramviaria e dalla conseguente apertura di un procedimento davanti al Csm. Oggi il Giornale ha pubblicato altre foto del 2014 dalle quali emergerebbero i rapporti e le frequentazioni tra l’avvocato De Cesare (difensore del capostazione indagato Voto Piccarreta) e la dottoressa Merra.\r\n\r\nLa nota di Giannella\r\n\r\n”In seguito alla pubblicazione di  fotografie che sembrerebbero denunciare un rapporto di “familiarità” tra uno dei magistrati titolari del procedimento relativo ed il difensore di uno degli indagati” Giannella ha rassicurato “quanti soffrono le conseguenze della terribile vicenda”, spiegando “che le indagini sono state fin qui condotte e continueranno ad essere condotte nella più rigorosa imparzialità e trasparenza”. Il metodo adottato? “Ogni iniziativa investigativa, atto e  provvedimento  del procedimento è stato adottato e sarà adottato collegialmente dai magistrati contitolari dell’indagine”, sotto il coordinamento di Giannella.\r\n\r\nInfine il passo indietro della Merra: “Responsabilmente e per desiderio di riportare serenità attorno alla vicenda, la dottoressa Simona Merra, pur ribadendo la propria correttezza nella conduzione delle indagini,  ha deciso di astenersi dall’ulteriore  trattazione del procedimento”.\r\n\r\n 


© RIPRODUZIONE ANCHE PARZIALE RISERVATA - Borderline24 Il giornale - Ti invitiamo a usare i bottoni di condivisione e a non copiare l'articolo.

ConfagricolturaBari
CattolicaBari

LASCIA UN COMMENTO:

Scrivi il tuo commento
Il tuo nome qui