Cabtutela.it
acipocket.it
ferrovieappulolucane.it

“Tariffe sproporzionate rispetto ai rifiuti prodotti”. La Confcommercio, in vista della manovra tributaria 2017 nei Comuni dell’area metropolitana di Bari e della Bat, ha inviato una lettera a tutti i sindaci, agli assessori al Bilancio e ai dirigenti degli Uffici tributi chiedendo una serie di incontri “per condividere e verificare i punti delle deliberazioni più importanti in materia di Tari”.\r\n\r\nSei i punti sui quali l’associazione di categoria vuole richiamare l’attenzione:\r\n\r\n \r\n

    \r\n

  • Riduzione tariffe per recupero di rifiuti assimilati agli urbani. Rientra in questa fattispecie, tra l’altro, il conferimento degli imballaggi da parte delle utenze commerciali;
  • \r\n

\r\n

    \r\n

  • Detassazione delle aree di produzione dei rifiuti speciali;
  • \r\n

\r\n

    \r\n

  • Tariffe per vaste aree espositive (ad es., concessionari d’auto, mobilifici, eccetera) che hanno una produttività unitaria di rifiuti molto bassa;
  • \r\n

\r\n

    \r\n

  • Riduzioni per attività stagionali o discontinue, quali alberghi e sale ricevimento;
  • \r\n

\r\n

    \r\n

  • Tariffe manifestamente sproporzionate rispetto ai rifiuti prodotti;
  • \r\n

\r\n

    \r\n

  • Agevolazioni per attività commerciali, alla luce della crisi economica che continua ad investire il settore.
  • \r\n

\r\n“Ancora un volta – spiega il presidente di Confcommercio Bari/Bat, Alessandro Ambrosi – siamo alle prese con una pressione fiscale e burocratica insostenibile che colpisce le piccole imprese di commercio, turismo e servizi, con adempimenti a getto continuo ai quali è arduo tener testa. Per questo ci siamo rivolti direttamente ai massimi rappresentanti delle Amministrazioni comunali che si apprestano ad approntare i bilanci 2017, chiedendo una svolta prima di tutto culturale che si traduca in provvedimenti coerenti di snellimento del carico fiscale e burocratico. In tutti i comuni del comprensorio bisogna mettere tra i primi punti dell’agenda politica la necessità di salvaguardare la rete distributiva esistente e di mettere le imprese nelle migliori condizioni per rimanere sul mercato. Una reale svolta fiscale e burocratica è la condizione di partenza per un rilancio della rete distributiva, a cui debbono accompagnarsi politiche incentivanti per valorizzare la risorsa delle nostre principali aree commerciali”.\r\n\r\n 


© RIPRODUZIONE ANCHE PARZIALE RISERVATA - Borderline24 Il giornale - Ti invitiamo a usare i bottoni di condivisione e a non copiare l'articolo.

ConfagricolturaBari
CattolicaBari

LASCIA UN COMMENTO:

Scrivi il tuo commento
Il tuo nome qui